Home » Articoli » Album Review » Claudio Cojaniz and the Red Devils Band: Carmen the Land of Dances

Claudio Cojaniz and the Red Devils Band: Carmen the Land of Dances

By

Sign in to view read count
Claudio Cojaniz and the Red Devils Band: Carmen the Land of Dances
Specializzato in piano solo e piccole formazioni (i trio e in duo), dopo la fortunata esperienza con la N.I.O.N. Orchestra (con Howl, di nove elementi, Claudio Cojaniz (clicca qui per leggere l'intervista che gli abbiamo fatto) sembra aver preso gusto alla direzione di organici più ampi e da un paio d'anni opera con questa singolare formazione, dall'organico mutevole di circa venti elementi.

La particolarità del gruppo sta nella sua apparente eterogeneità - come scrive lo stesso Cojaniz nella presentazione, «i Red Devils sono musicisti che hanno fatto percorsi molto diversi» - che tuttavia viene ampiamente compensata da comuni radici culturali e dalla condivisione di ideali, passioni, atteggiamento aperto verso il far musica assieme.

Tutte cose che emergono pienamente in questo Carmen the Land of Dances, sei composizioni di Cojaniz nelle quali si fondono ispirazioni diversissime: dalla classica della Carmen e di Bach (che il pianista friulano adora non meno di Monk), alla tradizione delle bande popolari, al rock e al blues (grazie soprattutto rispettivamente alla chitarra di Jimi Barbiani e all'armonica di Gianni Massarutto) e infine al jazz, nel quale tutti - a cominciare dal leader - attingono liberamente e creativamente.

Eclettici anche i riferimenti extramusicali, che iniziano con il nome della band - i Diavoli Rossi erano infatti un gruppo partigiano della bassa friulana, comandato da Gelindo Citossi, detto il Mancino - e proseguono con l'idea - illustrata a fumetti da Guido Carrara, detto Quisco, nel libretto che accompagna il CD - di liberare la musicalissima Land of Dances da un volgare e lubrico dittatore che - udite udite! - proibisce la musica jazz, free, raggae, dub, blues, rock, punk esattamente con la stessa ordinanza emanata dalla giunta comunale di Venezia alla fine degli anni Novanta...

La musica è ordinata, narrativa e coinvolgente nella sua pulsante caoticità: più contenuta la traccia d'apertura, d'ispirazione orientale; intensissima "Carmen Dynamite," che unisce ritmi balcanici e spagnoleggianti, ma soprattutto che include una strepitosa vocalizzazione di Alessandra Franco; ancor più variata "Red Hen-Hause," che alterna passaggi blues e rock, ma anche ritmi afro-cubani, momenti di jazz anni Settanta e l'incredibile rap in friulano di Mario Tubetti; ancora spagnoleggiante "Don José," con lunghi assoli di Clarissa Durizzotto e poi di Romano Todesco alla fisarmonica; "Bolero Rojo" s'apre invece in modo quasi barocco, ma prosegue sfacciatamente rock-blues e torna a sostenere il rap friulano di Tubetti; fino alla conclusiva "Freedom & Flowers," di un lirismo quasi liturgico, nella quale una frase toccante è ripetuta più volte all'unisono, variata e in crescendo, con un lancinante assolo di tromba che vi spicca.

Siamo di fronte a una musica difficilmente etichettabile, ma proprio per questo sorprendente e affascinante, che - per la fortissima carica umana che attraversa la band - è straordinaria dal vivo, ma che anche qui, su freddo supporto, riesce a scaldare ed è sapida e rossa come un Cabernet.

Track Listing

1. Mi sha mon dai ka - 11:30; 2. Carmen Dynamite - 12:00; 3. Red Hen-House - 13:30; 4. Don José - 10:10; 5. Bolero rojo - 8:30; 6. Freedom & Flowers - 3:30. Tutte le composizioni sono di Claudio Cojaniz.

Personnel

Claudio Cojaniz (pianoforte, direzione), Alessandra Franco (voce), Mario Tubetti (voce), Massimo De Mattia (flauti), Clarissa Durizzotto (clarinetto, sax contralto), Filippo Orefice (sax tenore), Piero Purini (sax tenore e soprano), Mirko Cisilino (tromba), Flavio Davanzo (tromba), Gabriele Cancelli (tromba), Leo Virgili (trombone), Toni Costantini (trombone), Jimi Barbiani (chitarra elettrica), Gianni Massarutto (armonica), Alessandro Turchet (contrabbasso, basso elettrico), Romano Todesco (contrabbasso, basso elettrico, fisarmonica), Michele Troncon (vibrafono), Luca Grizzo (percussioni), Luca Colussi (batteria).

Album information

Title: Carmen the Land of Dances | Year Released: 2013 | Record Label: Aabacus Agency


< Previous
Cote De Cologne

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Shadow
Lizz Wright
Caught In My Own Trap
Kirke Karja / Étienne Renard / Ludwig Wandinger
Horizon Scanners
Jim Baker / Steve Hunt / Jakob Heinemann

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.