Home » Articoli » Rob Reddy: Bechet: Our Contemporary

Album Review

Rob Reddy: Bechet: Our Contemporary

By

Sign in to view read count
Rob Reddy: Bechet: Our Contemporary
Omaggiando Bechet ma attraverso una lente in più frangenti memore della lezione mingusiana, oltre che attenta a esperienze decisamente più contemporanee, attorniato da un organico di primo piano, il quarantanovenne sopranista, compositore (suo metà del materiale tematico del disco) e arrangiatore (tutto il resto, ovviamente griffato Bechet) newyorchese Rob Reddy firma un lavoro capace di emanciparsi brillantemente dalla classica sintassi del mero jazz revival (pur tutt'altro che assente in diversi passaggi, o interi episodi, dell'album), confezionando un prodotto di estrema fruibilità benché non privo di segmenti capaci di alimentare (e legittimare) maggiori ambizioni.

Pur entro una più puntuale quadratura complessiva, fin dall'iniziale "Up-South" (di Reddy, come tutti i brani dispari) a qualcuno potrà venire in mente un dato percorso, dal revival fino alle porte del free, compiuto nei secondi anni Ottanta dalla New Emily Jazz Orchestra (album come Neanthropus Retractus, per capirci, titolo oltre tutto paradigmatico di molti dei rilievi appena fatti). Il secondo brano, poi, è subito "Petite Fleur," col canto affidato al violino (voce, detto per inciso, centrale nel lavoro).

Arriva quindi l'ampio "Erasing Statues," aperto da un monologare di chitarra e con le successive sortite solistiche che dipartono quiete dal collettivo che segue. È per contro il contrabbasso a far decollare "Song of the Medina," sorta di quintessenza dell'intero lavoro (almeno della sua costola più avanzata e propositiva), con un ulteriore exploit del violino.

Violoncello sugli scudi in avvio di "Yank," in cui si aggiunge il sax baritono in un giustapporsi di belle situazioni, cangianti e debitamente articolate. Segue il rotondo, vivace (ma anche lievemente calligrafico) "Chant in the Night," che trasmette una bella tensione al breve "Speedy Joe," fino a quella sorta di festosa parata di commiato che—ospite il clarinetto di Oscar Noriega—è "Broken Windmill," dove più nitidi riaffiorano i presupposti trad da cui l'album prende le mosse.

Track Listing

Up-South; Petite Fleur; Erasing Statues; Song of the Medina; Yank; Chant in the Night; Speedy Joe; Broken Windmill.

Personnel

Rob Reddy: soprano saxophone; John Carlson: trumpet; Curtis Fowlkes: trombone; Charles Burnham: violin; Marika Hughes: cello; Marvin Sewell: guitars; Dom Richards: double bass; Pheeroan AkLaff: drums; Lisa Parrott: baritone saxophone (6); Oscar Noriega: clarinet (8).

Album information

Title: Bechet: Our Contemporary | Year Released: 2015 | Record Label: Reddy Music


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment about this album

Tags

View events near New York City
Jazz Near New York City
Events Guide | Venue Guide | Local Businesses | More...

More

Times Like These
Nica Carrington
Existential Moments
Joe McPhee / John Edwards / Klaus Kugel
Freedom
Albare & Co.

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.