All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Avishai Cohen: Arvoles

Emmanuel Di Tommaso By

Sign in to view read count
Il leit-motiv di Arvoles è chiaro fin dall'iniziale "Simonero" nonostante gli sconvolgimenti di ritmi, di tempi e di scenari siano una costante del disco: le atmosfere noir dipinte dal contrabbasso di Avishai Cohen si evolvono verso tonalità più calde attraverso la percussività del piano di Elchin Shirinov e della batteria di Noham David.

Questa nuova formula del trio unito ai raid di fiati di Anders Hagberg e di Bjorn Samuelsson, votati a disperdere la costruzione melodica rendendo il sound più scorrevole, è l'ideale per dare nuova linfa a quel mix di post-bop jazz, influenze latine e sonorità mediorientali che è ormai il marchio di fabbrica del jazzista di origini israeliane. Si tratta di una modalità di composizione che nonostante i presupposti di decostruzione non oltrepassa mai la forma canzone. Sonate come "Arvoles," "Gesture #2" e "Childhood (for Carmel)" sono oasi pervase da una leggerezza consistente fondata su conversazioni sinuose fra piano e contrabbasso e sull'effetto-rallenty nei refrain: proprio nel momento in cui solitamente la melodia dei brani decolla, Cohen diffonde quiete e dà vita a falsi assoli che rallentano i ritmi fino a farli scomparire nell'assenza di suono. "Face me," "Elchinov," "Gesture #1" e "New Yorke 90's" sono invece delle scosse travolgenti di ritmi afro-caraibici dalla tensione percussiva contundente che si esauriscono in chiuse improvvise introdotte da afasiche note di piano. Anche brani di stampo più classico come "Nostalgia" e "Wings" non sovraccaricano il flusso sonoro generale di un disco in cui Cohen e soci puntano tutto sul comunicare molto con l'essenziale.

Dopo decenni di pionierismo musicale di alto livello e una moltitudine di progetti collaborativi con musicisti provenienti da ogni parte del mondo, Cohen continua a riplasmare il jazz contemporaneo annullandone i confini sia in termini di genere che di tradizioni. Con "Arvoles" l'apice dell'espressività emotiva è stato raggiunto. Il segreto? È lo stesso Cohen a svelarlo tramite una frase incisa sulla terza di copertina dell'album: "This music I give you is straight from my heart. I hope it moves you and uplifts your soul." Lasciarsi guidare dal cuore, dunque.

Track Listing: Simonero; Arvoles; Face Me; Gesture #2; Elchinov; Childhood (For Carmel); Gesture #1; Nostalgia; New York 90's; Wings.

Personnel: Avishai Cohen: bass; Elchin Shirinov: piano; Noam David: drums; Björn Samuelsson: trombone; Anders Hagberg: flute.

Title: Arvoles | Year Released: 2019 | Record Label: Razdaz Recordz

Tags

Watch

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Fruits Of Solitude
Fruits Of Solitude
By Mark Corroto
Read Passion: Latin Jazz
Passion: Latin Jazz
By C. Michael Bailey
Read Stay Good
Stay Good
By Chris M. Slawecki