Home » Articoli » Album Review » Gilles Laheurte: Wings of Light

2

Gilles Laheurte: Wings of Light

By

Sign in to view read count
Gilles Laheurte: Wings of Light
Disco in solitudine al soprano, ma con l'apporto di un'ampia rosa di percussioni (campane, gong orientali, xilofono e molto altro), per il sessantottenne Gilles Marie-Paul Laheurte, apolide nato in Francia, cresciuto in Austria e Germania, grande viaggiatore che alfine ha scelto di vivere a New York, sopranista seguace di Steve Lacy, audace sperimentatore musicale e artista attivo non solo nel campo della musica.

Laheurte non è nuovo a questo genere di opere, che stavolta dedica in larga misura a Lacy: sei brani su otto sono infatti esplicitamente ispirati dalla sua musica, mentre il primo lo è anche dalla musica di Evan Parker e l'ultimo da quella di Masahiko Togashi. Le tracce sono di lunghezza variabile, ma tre superano i dieci minuti: molto per un lavoro in solitudine, cosa che già segnala—così come lo fanno alcuni dei titoli—il genere di ricerca portato avanti da Laheurte e che ha molto a che fare con la musica da meditazione che l'artista ha potuto assimilare nel corso dei suoi viaggi.

Così il disco si apre come se si entrasse in un tempio asiatico, con gong e campane, per poi proseguire con una lenta e intensa meditazione del soprano; rientra nel tempio all'inizio della traccia successiva, che vede il soprano impegnato su sonorità più alte, quasi a invocare, e poi su melodie ipnotiche tipicamente lacyane, non senza l'apporto di espressività distorte, ancorché mai eccessive, che si concludono ancora con suggestivi colpi di gong.

Più obliqui e minimalisti i successivi tre brani, prima di rientrare nel tempio con "Moon Zen Twilight Zen New Moon," la traccia più lunga e fortemente suggestiva, nella quale i ritmi tornano più estesi, le linee meno vorticose e le atmosfere più meditative. Il disco si conclude poi con un brano per sole percussioni e infine con l'unico pezzo non ispirato da Lacy, che in effetti, ancorchè a momenti ipnotico, è anche quello più narrativo e lirico del programma.

Disco forse per amanti del genere e dello strumento—va però detto che Laheurte non scimmiotta il suono di Lacy e si concentra sul suo proprio—ma ciononostante di grande suggestione.

Track Listing

Bugle Boy Evan; Well, This Is It; Wicked Wickets; Quantum Quirks; Snips Tricks; Moon Zen Twilight Zen New Moon; Rings on My Mind; Balanced Ballets.

Personnel

Gilles Marie-Paul Laheurte: sax soprano, percussioni.

Album information

Title: Wings of Light | Year Released: 2014 | Record Label: SelfGratifying Productions


< Previous
Arson

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Heartland Radio
Remy Le Boeuf’s Assembly of Shadows
Invisible
Maurizio Minardi
Solidarity
Zach Rich

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.