All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

2

William Tatge + Last Call: Borderlands

Stefano Merighi By

Sign in to view read count
Il pianista italo-americano William Tatge concepisce il jazz odierno come un laboratorio aperto, dai tratti cameristici che d'improvviso si impennano in vampate melodico-ritmiche di bella tensione, avventurosa, ma sempre controllata.

Ascoltando questo Borderlands si coglie una cifra autoriale precisa ma nello stesso tempo una disponibilità a mettersi in gioco valorizzando al massimo il reciproco ascolto tra le voci del quartetto. L'incisione cristallina espone nitidamente il talento assoluto di Dan Kinzelman, Francesco Ponticelli e Stefano Tamborrino, perfetti nell'assecondare e nello stimolare le idee del pianoforte di Tatge, felicemente in equilibrio tra un linguaggio moderno storicizzato e uno scavo più personale, anche di derivazione classica.

Il tema di apertura ricorda certe atmosfere di Wayne Shorter, in cui l'ambiguità tra narrazione e fratture ritmiche costituisce il sale della musica. Più esplicito lo swing in "Synopsis," con tema articolato e disteso e ancora dialettica tra razionalità e lirismo, con Tatge dal piglio hancockiano.

Lo sviluppo del CD si rivolge invece a situazioni più indeterminate, con larga libertà dei singoli ad intervenire e modificare in tempo reale i suggerimenti del compositore. "In Balance" è la traccia più suggestiva, con uso di percussioni varie da parte di Tamborrino, strumentista di sensibilità superiore. "Arrival," "Ergo," "Lux" sono altri brani in cui molte cose possono accadere intorno alle idee di base, con un linguaggio di gruppo che evita giustamente il virtuosismo fine a se stesso e si concentra invece sulla serietà del rapporto tra pagina annotata e improvvisazione.

Menzione speciale per "Marche Triomphale," dove Tatge e Tamborrino dialogano con finezza e intuito da improvvisatori di gran qualità.

Track Listing: Borderlands; Synopsis; Arrival; One Revolution; Marche Triomphale; Ergo; In Balance; Lux.

Personnel: William Tatge: piano; Dan Kinzelman: sax (tenore); Francesco Ponticelli: contrabbasso; Stefano Tamborrino: batteria, percussioni.

Title: Borderlands | Year Released: 2015 | Record Label: Edizioni Parco Della Musica

Tags

Watch

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read When Will The Blues Leave Album Reviews
When Will The Blues Leave
By Karl Ackermann
May 22, 2019
Read Crowded Heart Album Reviews
Crowded Heart
By Dan Bilawsky
May 22, 2019
Read Infinite Itinerant Album Reviews
Infinite Itinerant
By Geno Thackara
May 22, 2019
Read Pulcino Album Reviews
Pulcino
By Nicholas F. Mondello
May 22, 2019
Read Hastings Jazz Collective/Shadow Dances Album Reviews
Hastings Jazz Collective/Shadow Dances
By Dan McClenaghan
May 21, 2019
Read That's a Computer Album Reviews
That's a Computer
By Jerome Wilson
May 21, 2019
Read All I Do Is Bleed Album Reviews
All I Do Is Bleed
By Paul Naser
May 21, 2019