All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Agustí Fernández: Un llamp que no s'acaba mai

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
A Sigüenza, piccolo comune spagnolo che dista circa cento chilometri da Madrid, si tiene ogni anno in dicembre un Festival Jazz di grande interesse. Lo scorso anno, nella sesta edizione, erano in programma Ran Blake, Aki Takase con Alex von Schlippenbach, Mats Gustafsson. L'improvvisazione totale di Agustí Fernández, John Edwards e Mark Sanders, registrata in concerto a quel festival nel 2007, rappresentava allora la prima esperienza di ascolto radicale per una platea che, secondo le ricche note di copertina, era avvezza a fruizioni più tranquille.

Evidentemente l'esperimento funzionò bene, se poi si arrivò a cartelloni come quello del 2010 già menzionato. Ma il concerto del trio di Fernández, fortunatamente registrato e diffuso nella bella confezione cartonata dell'etichetta Psi Records di Evan Parker, rappresenta un esempio molto pregnante di musica liberamente improvvisata, un'esperienza d'ascolto che trascina e risucchia l'attenzione. Peccato che dalla registrazione siano stati tagliati gli applausi, che avrebbero potuto dare un assaggio di quanto il concerto avesse mosso l'emozione degli ascoltatori.

Agustí Fernández è pianista spagnolo di notevole spessore, improvvisatore di grande forza narrativa, esploratore di spazi aperti, di cui traccia mappe e percorsi con sapiente lucidità. Nella sua esperienza si mescolano le influenze di Cecil Taylor e di Iannis Xenakis, scoperti in gioventù e sempre amati. Le sue collaborazioni spaziano da Evan Parker, nell'Electro-Acoustic Ensemble, a Barry Guy, con il quale ha registrato in trio e con la New Orchestra.

Un llamp que no s'acaba mai si dipana in quattro episodi senza soluzione di continuità, con un lungo preludio tranquillo e diafano, enigmatico nei suoni sparsi, tra dissonanze e suggestioni timbriche dove i tre musicisti mostrano quanto intensa sia la loro empatia. Picchi di potenza eruttiva si toccano negli episodi "Secondo" e "Tertio," ma già le curve espressive del "Primo" seguono un andamento di costante turbolenza e distensione. Qui si incontra un intervento magistrale in solo del contrabbasso di Edwards. Ma l'apporto dei tre è sempre paritario, di altissimo livello.

Visita il sito di Agustí Fernández.

Track Listing: 1. Primo; 2. Secondo; 3. Tertio; 4. Quarto.

Personnel: Agustí Fernández: piano; John Edwards: contrabbasso; Mark Sanders: batteria.

Title: Un llamp que no s'acaba mai | Year Released: 2011 | Record Label: Psi

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Interviews
Album Reviews
Read more articles
Cousin It

Cousin It

Hopscotch Records
2012

buy
 

Volume

Challenge Jazz
2008

buy

Upcoming Shows

Date Detail Price
Aug25Sun
Binker & Moses Ensemble
Congress Saalfelden
Saalfelden, Austria

Related Articles

Read The Turning Album Reviews
The Turning
By Bruce Lindsay
July 20, 2019
Read Reveries and Revelations Album Reviews
Reveries and Revelations
By John Eyles
July 20, 2019
Read Live/Shapeshifter Album Reviews
Live/Shapeshifter
By Don Phipps
July 20, 2019
Read Vol 3 Album Reviews
Vol 3
By Phillip Woolever
July 20, 2019
Read First Nature Album Reviews
First Nature
By Troy Dostert
July 19, 2019
Read Sacred Kind of Love: The Columbia Recordings Album Reviews
Sacred Kind of Love: The Columbia Recordings
By Jakob Baekgaard
July 19, 2019
Read Perhaps Album Reviews
Perhaps
By Don Phipps
July 19, 2019