Home » Articoli » Album Review » Francesco Chiapperini: Trasmigration

Francesco Chiapperini: Trasmigration

By

Sign in to view read count
Francesco Chiapperini: Trasmigration
Riprendendo lo spirito con cui nel 2022, con We3, aveva omaggiato non agiograficamente The Trio di John Surman, adesso Francesco Chiapperini, proprio come il sassofonista inglese, amplia il proprio organico e va a rileggere la lezione di Conflagration, storico album del 1971. La formazione è meno ampia di quella messa assieme allora da Surman, ma è pur sempre un nonetto che—per intensità, organizzazione dei suoni, respiro dei temi—suona come un'orchestra ben più ampia. E, grazie anche alla registrazione dal vivo e alla qualità dei solisti, suona alla grande.

La formazione ha come nucleo essenziale proprio We3, vale a dire il leader a sax baritono, clarinetto basso e flauto, Luca Pissavini al contrabbasso e Stefano Grasso alla batteria. A dar vita ai sette brani, per poco meno di un'ora complessiva, si aggiungono poi il pianoforte di Simone Quatrana, la chitarra di Alberto Zanini e ben altri quattro fiati: la cornetta di Mario Mariotti, la tromba di Vito Emanuele Galanti, il sax contralto di Andrea Ciceri e il tenore di Daniele Cavallanti.

Ed è proprio il lavoro dei cinque fiati a caratterizzare maggiormente la musica: tutta originale e del pugno di Chiapperini, costruita su strutture narrative dai ritmi perlopiù incalzanti, vede i fiati suonare spesso all'unisono, quasi trasportando l'ascoltatore in veementi cavalcate, e tuttavia aprendosi a più riprese per lasciar spazio all'espressività dei singoli. Così, l'iniziale "Riding Roading" ha un andamento quasi epico, fin dall'inizio trascinantemente sospinto dalla ritmica di Pissavini e Grasso, ed è intercalato da un solo di Mariotti e dagli interventi dissestanti del pianoforte; viceversa "Slaving Rebellion" si apre con un solo del contrabbasso di Pissavini che poi, accompagnato dalla chitarra di Zanini, detta un ritmo potente sul quale prima si innestano i fiati all'unisono, poi si apre come uno squarcio il solo di Cavallanti.

Ancora diverso "JS Layer," che procede quasi interamente come un'improvvisazione free—vi svetta a più riprese il piano di Quatrana—e funge da introduzione per il successivo "Rising East," lungo e cangiante, che nei primi due minuti si erge con un unisono trascinante, poi lascia spazio a un assolo di Grasso alla batteria e a un aggregarsi di rumori, prima di concludersi di nuovo con un'incedente cantico collettivo. Invece "Sliding Sneakers" si avvia lento a partire da soffuse percussioni e s'impenna prima con una un solo in crescendo del contralto di Ciceri, poi da uno analogo di Chiapperini, fino a un finale di nuovo epico.

Andamenti diversi, medesimo mood per una musica che è, anche volutamente, ben radicata nella tradizione, e non solo in quella del jazz britannico degli anni Sessanta, ma anche in quella statunitense degli stessi anni, e che non dimentica la contemporaneità. Una musica coraggiosa, perché oggi sempre più dimenticata e lasciata dietro scaffali di piatto mainstream, di sperimentazioni neofusion o di lavori scritti in modo anche troppo sofisticato.

Un po' di jazz —intenso, trascinante, collettivo ma che valorizza le individualità —ci voleva. Una volta tanto.

Album della settimana.

Track Listing

Riding Roading; Sliding Sneakers; Kirkoffs Wave; Slave Rebellion; JS Layer; Rising at East; Obsidian.

Personnel

Album information

Title: Trasmigration | Year Released: 2023 | Record Label: Splasc(H) Records

Comments


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Blue Topaz
Peter Hand
Midnight Rose
Paul Rodgers
Open Me: A Higher Consciousness of Sound and...
Kahil El'Zabar's Ethnic Heritage Ensemble
Modern Art Trio
Franco D'Andrea, Franco Tonani, Bruno Tommaso.

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.