Home » Articoli » Miriam Elhajli: The Uncertainty of Signs

Album Review

Miriam Elhajli: The Uncertainty of Signs

By

Sign in to view read count
Miriam Elhajli: The Uncertainty of Signs
Miriam Elhajli è una giovane cantautrice e musicologa attiva a New York, influenzata dal folklore venezuelano e marocchino. Una tradizione assimilata in famiglia, che lei fonde con la sensibilità del jazz moderno e i modelli di Joni Mitchell e altre vocalist degli anni sessanta/settanta.

Il suo debutto discografico Observations, inciso nel 2018 e pubblicato due anni dopo, ha colpito critica e pubblico per la bellezza delle sue composizioni, interpretate con un'intima colloquialità romantica che ricordava la Mitchell di Blue o Sandy Denny dei Fairport Convention. In qualche brano di quel disco (ed esempio "En La Orilla" o "Always in Transition") c'erano però i segni di quella ricerca personale che l'ha portata all'attuale The Uncertainty Of Signs, appena pubblicato.

Pur confermando l'impronta melodica, qui la prospettiva è notevolmente cambiata: nelle composizioni, nella dimensione strumentale e nelle interpretazioni vocali. Il tutto è pervaso da una personale ricerca ritmica e timbrica, che disegna paesaggi musicali dilatati e un po' astratti, dove s'incontrato elementi di vari folklori e suggestioni classiche. La voce indulge in forzature timbriche, creando appassionanti contrasti in una ricerca che sembra spingersi verso la dimensione surreale e simbolica.

Tra i brani da ricordare in questo variopinto gioco musicale abbiamo "Gold & God," caratterizzato dalla vibrante e urgente impronta ritmica e "Bulk Flow," che condivide un originale arrangiamento d'archi. Tra i musicisti presenti nel lavoro ricordiamo in particolare il pianista Jason Lindner, il flautista Jake Rudin e il solista di kanun Firas Zreik.

Track Listing

When the Whirlwind Fades Out; Tres Bocio; Grayscale; Locusts Circumference; Marble Staircase; Gold & God; Spiral Solutions; Bulk Flow; Another Butterfly Ordeal; Cosmos; In Your Arms, Familiar.

Personnel

Miriam Elhajli: voice / vocals; Jason Lindner: synthesizer; Chris Dingman: vibraphone; Jake Rudin: flute; Ike Sturm: bass; Cedric Easton: drums; Firas Zreik: various; Kamal Sadat: percussion.

Additional Instrumentation

Kasa Quartet: strings.

Album information

Title: The Uncertainty of Signs | Year Released: 2022 | Record Label: Self Produced

Post a comment about this album

Tags

More

Blue Haven
Atlanticus
Origin
Joey Alexander
Shifting Sands
Avishai Cohen

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.