All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Kevin Sun: The Sustain of Memory

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Kevin Sun: The Sustain of Memory
Il secondo album da leader del trentenne sassofonista e clarinettista newyorchese Kevin Sun è un'opera lunga, due CD, e complessa, articolata su tre suite diverse per organico e clima.

La prima suite—"The Middle of Tension," in sei parti per un totale di trentasei minuti—vede di scena un classico quartetto, nel quale Sun è accompagnato dal pianoforte di Dana Saul, dal contrabbasso di Walter Stinton e dalla batteria di Matt Honor. Ed è il pianoforte, con la frammentarietà e l'obliquità molto contemporanea delle sue linee, a dettare il clima: spesso sospeso e meditativo, solo occasionalmente lirico, intrigante sebbene in alcuni momenti astratto e sfrangiato. Il leader ne segue le evoluzioni, frammentando anch'egli i fraseggi e zigzagando nelle linee melodiche, mentre la ritmica svolge in prevalenza un ruolo di supporto, anche se ha qualche momenti di protagonismo—per esempio nella seconda parte, dove il contrabbasso è prima voce e la batteria fa un gran lavoro rumoristico di sfondo.

Nella seconda suite—"Circle, Line," in dodici parti per complessivi 29 minuti—di scena è un trio sax, contrabbasso e batteria, con i medesimi protagonisti della precedente, ma senza la Saul. L'assenza del piano cambia tutto e rende la musica molto più materica: incentrata adesso sul tenore del leader—che si prende tutta la scena in assolo nell'ultima parte—ma con una forte presenza sia del contrabbasso di Stinton—spesso protagonista in assolo—e della batteria di Honor—lo si ascolti in particolare nella decima parte della suite. La narrazione è nervosa, variabile nei tempi ma sempre intensa nel suono, libera senza mai essere astratta.

La terza suite—la più corposa, quarantotto minuti divisi in tre parti—ha per protagonista un quintetto, nel quale a Sun si affianca la tromba di Adam O'Farrill, rientra la Saul al piano e la ritmica è composta dal contrabbasso di Simon Wilson e dalla batteria di Dayeon Seok. Qui la tensione dinamica è superiore alle altre due parti, il pianoforte non frammenta più le linee ma anzi spinge i fiati a duettare su tempi veloci e ritmi incedenti—cosa che per esempio avviene mirabilmente nella seconda parte, prima di una sua risoluzione eterea e sognante—oppure gli accompagna nel prendersi spazi espressivi—cosa che accade in particolare nella terza parte, con un lungo e ammirevole assolo di O'Farrell—fino a farsi protagonista nella splendida conclusione. Siamo più che nelle altre suite nei paraggi del modern jazz, filtrato però dagli scenari attraversati precedentemente e perciò distillato in una sintesi originale.

Lavoro di indubbio valore, sia per la varietà degli scenari descritti, sia per la raffinatezza del dettaglio, opera di un musicista giovane da osservare con attenzione tanto come compositore, quanto come strumentista.

Track Listing

The Middle of Tensions I; The Middle of Tensions II; The Middle of Tensions III; The Middle of Tensions IV; The Middle of Tensions V; The Middle of Tensions VI; Circle Line I; Circle, Line II; Circle, Line III; Circle, Line IV; Circle, Line V, Circle Line VII; Circle, Line VIII; Circle, Line IX; Circle Line X; Circle, Line XI; Circle, Line XII; The Rigors of Love I; The Rigors of Love II; The Rigors of Love III.

Personnel

Kevin Sun: saxophone, tenor; Adam O'Farrill: trumpet; Dana Saul: piano; Walter Stinson: bass; Simón Willson: bass; Matt Honor: drums; Dayeon Seok: drums.

Album information

Title: The Sustain of Memory | Year Released: 2019 | Record Label: Endectomorph Music

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Long Tall Sunshine
Barry Altschul's 3Dom Factor
Wonderful World
Chris Standring
Hope
Tomas Liska & Invisible World
Zero Grasses: Ritual for The Losses
Jen Shyu and Jade Tongue
Aufbruch
J. Peter Schwalm & Markus Reuter
Purvs
Liudas Mockūnas / Arvydas Kazlauskas

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.