1

Peloton: Selected Recordings

BY

Sign in to view read count
Peloton: Selected Recordings
Il giovane quintetto scandinavo, ha un nome di grande impatto (“peloton” in finlandese significa “senza paura”), ed è costituito da due danesi (Karl Strømme, Hallvard M. Godal), due norvegesi (Petter Vågan, Steinar Nickelsen) e uno svedese di nascita e norvegese di adozione (Erik Nylander).

Tutti e cinque molto bravi, ma a colpire è la naturalezza e l’audacia con cui riescono a far fruire a un pubblico così ampio un’idea aperta, libera e pregnante di improvvisazione.

Di questo collettivo si dice comunemente che si discosta completamente dal canone di accompagnamento e assolo tipici del gioco dei ruoli nel jazz. Ed è vero. Ma è anche vero che la novità non risiede tanto in questo, quanto nel modo in cui gli strumenti spesso cambiano di ruolo: così stupisce ad esempio ascoltare un basso che suona come ci si aspetterebbe da delle tastiere, e viceversa.

I due fiati rinunciano a vigore e malizia tecnica per giocare un ruolo d’amalgama inusitato: suonano spesso assieme, all’unisono, mantenendo ottime caratteristiche timbriche. Il tastierista da parte sua non eccede nell’uso dell’hammond B3, abbastanza inflazionato negli ultimi anni, e inventa sonorità e impasti timbrici interessanti al moog e all’arp.

Il fluido sonoro è omogeneo e avvolgente e la tipica ritmica di basso/batteria a scandire il tempo dei ripetuti assoli dei fiati manca, assolvendo questi ultimi in modo ineccepibile e misurato allo scopo, e dando forma e struttura alle composizioni e alle improvvisazioni.

Tutto ciò non significa che ci troviamo di fronte a una band straordinaria che rivoluzionerà i prossimi anni del jazz europeo, però colpisce la semplicità con cui si fanno ascoltare dispensando l’utilizzo di sonorità glamour e anzi mettendo in campo elementi radicali e facendo dell’amalgama e dell’insieme il loro punto di forza.

Le composizioni sono per metà del sassofonista Hallvard M.Godal e per la restante metà collettiva o degli altri componenti.

L’etichetta Parallell è alla sua prima produzione, e non resta pertanto che da augurarsi che riescano ad avere una buona distribuzione (Bugge Wesseltoft della Jazzland in un'intervista a inizio anno li aveva segnalati tra i giovani interessanti - per leggere l'intervista a Wesseltoft clicca qui).

Track Listing

1.Aranburu (Nickelsen) - 06:18; 2. Irizar (Godal) - 03:44; 3. Isidro (Godal) - 03:15; 4. Rippol (Peloton) - 07:47; 5. Leon (Godal) - 05:28; 6. Galindo (Vågan) - 04:46; 7. Nozal (Strømme) - 06:02; 8. Munoz (Godal) - 04:33; 9. Olano (Godal) - 06:07; 10. Zanoli (Godal, Nickelsen, Strømme) - 04:43; 11.Beloki (Godal) - 05:58.

Personnel

Karl Strømme (tromba e sintetizzatore); Hallvard M.Godal (sax); Petter Vågan (chitarra e lapsteel); Steinar Nickelsen (arp, oberheim, moog); Erik Nylander (batteria).

Album information

Title: Selected Recordings | Year Released: 2008 | Record Label: AZMARI

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Pendulum
Gordon Grdina
Glow
Francois Carrier
Pagan Chant
Ritual Habitual
Erlebnisse
Noam Lemish
Happy Ever After
Fourth Function featuring The Phil Ware Trio
Ancient Africa
Nat Birchall

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.