All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

0

Oz Noy: Schizophrenic

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Il chitarrista Oz Noy è nato in Israele ma risiede da tempo negli Stati Uniti e giunge, con questo Schizophrenic alla sua quarta prova discografica. A partire dal primo album (intitolato semplicemente Ha!) pubblicato nel 2005, il chitarrista si avvale di un manipolo di collaboratori importanti che rimane abbastanza stabile e gli consente di lavorare su meccanismi ben collaudati che gli fanno perseguire un cammino tracciato sulla linea maestra del jazz-rock senza mai esagerare nelle divagazioni.

I nomi sono ben noti: Anton Fig e Keith Carlock alla batteria, Will Lee al basso elettrico. In occasione di questo Schizophrenic viene reclutato anche il bravo Dave Weckl che suona la batteria in 4 brani. Un cameo è fornito anche dal collega Steve Lukather, presente in soli due brani. Meno noti i tre tastieristi che si alternano all'organo e ai synth, anche se Ricky Peterson ha alle spalle importanti collaborazioni con David Sanborn e tanti altri.

La ritmica è sempre ben centrata e dinamica e su una simile autostrada il lavoro di Noy riesce a risaltare come uno smeraldo scintillante sopra ad un bel panno di velluto nero. La sua tecnica è decisamente all'altezza e le linee di chitarra guizzano a dovere senza però dare mai la sensazione di correre senza costrutto lungo le scale infinite che non portano ad alcuna meta. Le sue frasi sono quasi sempre ben congeniate e in un certo modo, tolte le notevoli differenze di formazione culturale, possiamo vedere alcune somiglianze con il modo di fraseggiare di Nguyen Le, anche se Oz Noy sembra più consistente ritmicamente e magari meno preciso nelle strettoie del fraseggio. Altri hanno già sottolineato un apparentamento con Jeff Beck (pensando soprattutto al Jeff Beck più jazzistico) e probabilmente possiamo trovare qualche influenza proveniente anche da Robben Ford (a cominciare dal titolo dell'album).

In realtà Oz Noy è perfettamente in grado di affrancarsi da questi importanti modelli e sa portare avanti un suo progetto con eleganza ed energia. Un segnale importante è dato anche da fatto che tutti i nove brani dell'album sono originali dello stesso chitarrista. Alla fine della fiera è interessante segnalare come il jazz-rock di fondo sappia tingersi di blues ogni volta che serve, in una miscela certamente non innovativa ma sempre piacevole ed espressiva.

Track Listing

01. Ice Pick; 02. 120 Heart Beats; 03. Seven; 04. Schizophrenic; 05. Elephant Walk; 06. Twice in a While; 07. Jelly Blue; 08. Underwater Romance; 09. Bug Out.

Personnel

Oz Noy (chitarra, loops, percussioni); Keith Carlock (batteria); Will Lee (basso, percussioni); Ricky Peterson (organo); Chris Palmaro (tastiere); Shai Bachar (synth); Anton Fig (batteria); Steve Lukather (chitarra); Sheri Miller (percussioni); Dave Weckl (batteria).

Album information

Title: Schizophrenic | Year Released: 2010 | Record Label: Magnatude Records

Tags

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Related Articles

Read Morning Light
Morning Light
By David A. Orthmann
Read Berit In Space
Berit In Space
By Mark Corroto
Read Cherry Jam
Cherry Jam
By Karl Ackermann
Read Live In Willisau
Live In Willisau
By Troy Dostert
Read Serenity Island
Serenity Island
By Mike Jurkovic
Read Albare Plays Jobim
Albare Plays Jobim
By Edward Blanco
Read Ecology
Ecology
By Toj Samaz