All About Jazz

Home » Articoli » Live Review

Ralph Towner al Parco della Musica, Roma

Mario Calvitti By

Sign in to view read count
Ralph Towner
Parco della Musica
Roma
18.05.2018

Ralph Towner è un chitarrista dallo stile completamente unico e inconfondibile, sviluppato e affinato negli anni fino a un livello di assoluta maestria che fonde la tecnica classica con l'improvvisazione jazzistica, aggiungendo occasionalmente un tocco di Brasile. Nato come pianista nel segno di Bill Evans, Towner ha successivamente adottato la chitarra classica come strumento principale, trasferendo sulle sei corde le tecniche di armonizzazione introdotte da Evans sul pianoforte jazz, e sviluppando una capacità improvvisativa senza eguali. I suoi concerti in solo sono dei recital chitarristici straordinari per ricchezza ritmico-armonica, raffinatezza melodica e intensità emotiva, come testimoniano anche le numerose prove solistiche pubblicate da ECM nel corso degli anni fino all'ultimo lavoro uscito lo scorso anno, My Foolish Heart.

Il concerto romano, tenuto nel piccolo e raccolto Teatro Studio presso l'Auditorium, traeva molti dei brani in programma proprio da quell'album, a cominciare dal pezzo che gli dà il titolo, uno standard eseguito spesso anche da Evans, la cui interpretazione ha fornito lo spunto per l'arrangiamento di Towner. Tra gli altri brani eseguiti, tutte composizioni originali di Towner ad eccezione di un altro standard, "I Fall in Love Too Easily," ci sono "Saunter," "Blue as in Bley," "I'll Sing to You," "Pilgrim" e "Dolomiti Dance" tratti dall'album citato. Oltre a questi, Towner ha eseguito anche altri titoli del suo repertorio passato, come "Guitarra Picante" incisa con gli Oregon, il solenne "Anthem," il gioioso "If," il malinconico "The Reluctant Bride," e come bis il romantico "Tramonto" e il ritmato "Jamaica Stopover."

Di Towner colpiscono in modo particolare, oltre allo spiccato talento compositivo e al gusto per la melodia, il controllo totale della dinamica del tocco (ogni nota ha il suo giusto peso e articolazione), la capacità di accompagnarsi durante l'improvvisazione, il suo grande senso del ritmo (sempre implicito anche nelle pause), la grande espressività nei fraseggi. Tutti elementi che ha in comune con il suo grande maestro Bill Evans e che ha saputo trasferire su uno strumento, la chitarra classica, estremamente complesso da padroneggiare a questi livelli, e del quale può essere considerato a buon diritto uno dei massimi interpreti. Peccato solo per la rinuncia all'utilizzo della chitarra 12-corde, altro strumento di cui ha contribuito ad innovare la tecnica, ormai relegato a sporadiche apparizioni solo nei dischi realizzati in studio.

Post a comment

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Interview with Alternative Guitar Summit 2021
Interview with Steve Sandberg Trio at Soapbox Gallery
Interview with Tessa Souter Trio at Soapbox Gallery
Interview with Nicole Glover Trio at Smalls Jazz Club
Interview with Peter Zak Quartet at Smalls Jazz Club
Interview with Norwegian Digital Jazz Festival 2020, Part 3
Interview with The Bad Plus at Bijou Theatre

Popular

Read John Coltrane: An Alternative Top Ten Albums
Read Tony Bennett: A Hero's Journey in Authenticity
Beauty, Love and Justice: Living A Coltranian Life
Tony Bennett: A Hero's Journey in Authenticity
Read Steve Reich: Humans Love to See Other Humans Play Music

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.