Moutin Factory Quintet: Lucky People

Luca Casarotti BY

Sign in to view read count
Moutin Factory Quintet: Lucky People
I gemelli François e Louis Moutin dividono il tempo e le loro attività musicali tra la Francia e New York, dove François risiede. Dopo aver guidato per anni il The Moutin Reunion Quartet con Rick Margitza e Pierre de Bethmann, nel 2013 hanno assemblato il Moutin Factory Quintet insieme al sassofonista Christophe Monniot, al chitarrista Manu Codjia e al pianista Thomas Enhco: Lucky People è il primo disco di questa nuova formazione.
Con i piedi ben piantati nel mainstream, e pur senza l'ambizione di innovare, il lavoro riesce ad essere contemporaneo: nel senso che assorbe e fa proprie le influenze di un certo modo di fare jazz negli ultimi quindici-vent'anni; dalle parti della Nonesuch, per capirsi. Quando il tempo tende al medium-up, ad esempio, è impossibile non sentire nel pianoforte di Enhco la lezione di Mehldau: note ribattute con la destra e contrappunto con la sinistra, sfasamenti ritmici etc.

Lucky People è uno di quegli album che mettono allo scoperto le strutture, le architetture, gli schemi, che non fanno nulla per nasconderli. Ci sono schemi compositivi: in certi brani ("Dragonfly," "A Busy Day") si passa da un ritmo binario ad uno ternario, come nei pezzi latin-bop alla Gillespie, ma con sezioni molto più estese; in altri ("Soul") si gioca sui contrasti, un solo di sopranino bluesy e pieno di note dopo quello di pianoforte, contrappuntistico e pieno di pause.
Ci sono schemi nell'interplay: Ehnco e i due Moutin hanno una visione tutto sommato tradizionale della ritmica, con spazi e ruoli precisi, mentre Codjia e Monniot portano nel gruppo istanze più eccentriche. La chitarra, semidistorta scuola-Rosenwinkel, appare e scompare nell'accompagnamento, intorbida il suono altrimenti iperlevigato del trio piano-basso-batteria, oppure tace per minuti.

Ma soprattutto Monniot -e soprattutto al sopranino- carica la musica di connotazioni black che senza di lui non avrebbe: intonazione crescente alla bisogna, bluenotes in quantità, il suo sax stride —ma stride con profitto- rispetto al resto della band, anche se in qualche brano si normalizza ("Forgivenes"). In altri per fortuna no: la gragnuola di note fuori tonalità e le lampanti citazioni coltraniane sul finale di una ballad che più pop non si potrebbe ("Soul").
Ci sono anche momentanei sconfinamenti in territori insospettabili, che intervengono a spezzare lo schematismo: polifonie improvvisate in "Lucky People" e in "You'll Be Fine," un medley dedicato a Ornette e suonato, con felice intuizione e gran tecnica, solo dai due Moutin.

Track Listing

Lucky People; Dragonfly; Soul; Ornette's Medley; Relativity; Forgiveness; A Busy Day; Moving On; You'll Be Fine; Conflict.

Personnel

Francois Moutin: bass; Louis Moutin: drums;Emmanuel Codjia: guitar; Thomas Enhco: piano, Christophe Monniot: saxophones.

Album information

Title: Lucky People | Year Released: 2014 | Record Label: Plus Loin Music

Post a comment about this album

Listen

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Montreal Jazz Trio
Montreal Jazz Trio
Sounds Good
Fryderyk HD
Prim and Primal
Adam Nolan
Boxed In
Daniel Casimir
Family Plan
Family Plan
What to Wear in the Dark
Kate McGarry + Keith Ganz Ensemble
Mirror Mirror
Eliane Elias

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.