Home » Articoli » Album Review » Paquito D'Rivera: Jazz Meets the Classics

1

Paquito D'Rivera: Jazz Meets the Classics

By

Sign in to view read count
Paquito D'Rivera: Jazz Meets the Classics
Forte di una solida fama internazionale, il sassofonista cubano ci propone questo singolare CD ispirato dalla musica eurocolta. Dedicati ai più celebri compositori Bach, Mozart, Chopin) di tale tradizione, gli arrangiamenti mostrano la formazione classica del leader esaltandone il grande virtuosismo strumentale. Tanta è la tecnica messa in campo, dinanzi alla quale cedono il passo l'ispirazione e la forte tensione creativa.

Sin dalle prime note appare evidente il compiacimento tecnico, nel pur lodevole tentativo di aggiungere colori melodici afrocubani. I brani scorrono con piacevolezza ed uno squisito tocco jazzistico, ma non c'è nulla di più. Manca cioè una chiave di lettura originale che vada oltre il fascino evocativo ed estetizzante di una musica ben eseguita, ma senza pathos.

Impeccabilmente congegnato sul piano squisitamente tecnico-strumentale, questo progetto finisce con il privilegiare il virtuosismo a discapito del feeling. A conti fatti, prevale uno sterile sincretismo musicale fine a se stesso. C'è giustapposizione, senza adeguata trasfigurazione. Da un fuoriclasse come D'Rivera ci si attendeva un approccio più spericolato,anche se gli va dato atto di una curiosità volatile in costante fermento.

Track Listing

Fantasia Improptu; Beethoven Peru; Adagio; Die Zauberclarinete; Al Fin Te Vi; Las Abejas; Vals de la Media Hora; Nocturno en la Celda; Pa Bebo; E minor Prelude.

Personnel

Paquito D' Rivera: sax soprano e clarinetto; Diego Urcola: tromba, trombone; Alex Brown: pianoforte; Oscar Stagnaro: basso elettrico; Arturo Stable: percussioni; Mark Walker: batteria; Pepe Rivero: pianoforte nelle tracce 8,9,10.

Album information

Title: Jazz Meets the Classics | Year Released: 2014 | Record Label: Paquito Records


Comments

Tags

Concerts


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.