Home » Articoli » Gerlando Gatto - Il Jazz Italiano In Epoca Covid

1
Book Review

Gerlando Gatto - Il Jazz Italiano In Epoca Covid

By

Sign in to view read count
Il jazz italiano in epoca covid
Gerlando Gatto
217 pagine
ISBN: 9781716705380
Autoprodotto
2020

Terzo libro di interviste a musicisti di Gerlando Gatto, dopo i precedenti Gente di jazz e L'altra metà del jazz. Ma questo nuovo lavoro ha un tema ben particolare, che gli impone una specifica urgenza e una forte attualità: la pandemia da Covid, che ha colpito duramente tutti coloro che vivono delle proprie attività artistiche, tra i quali i musicisti jazz. In questa sua più recente fatica, realizzata nel periodo del lockdown di primavera, l'autore intervista ben quarantuno protagonisti italiani di questa musica, ponendo a tutti (pur con qualche ampliamento o variazione) le stesse domande, in modo da fare emergere dalla variegata realtà un quadro complessivo.

Le domande toccano il modo in cui gli artisti stiano passando il confinamento—sia emotivamente ("Come sta vivendo queste giornate?"), sia concretamente ("Vive da solo o con qualcuno? E quanto ciò risulta importante?") —, quanto ciò stia stravolgendo la loro attività ( "Come ha influito tutto ciò sul suo lavoro?," "Come riesce a sbarcare il lunario?"), su cosa facciano affidamento per affrontare la situazione ("Crede che la musica possa dare la forza per superare questo terribile momento?," "Se non la musica a cosa ci si può affidare?"), quale sia il loro sguardo sul futuro ("Pensa che questo momento di forzato isolamento ci indurrà a considerare i rapporti umani e professionali sotto una luce diversa?"), fino alle loro opinioni in merito ai modi di affrontare l'emergenza da parte della società ("Quanto c'è di retorica in questi continui richiami all'unita?") e delle istituzioni ("È soddisfatto di come si stanno muovendo i vostri organismi di rappresentanza nazionale?," "Se avesse la possibilità di essere ricevuto dal Governo, cosa chiederebbe?"). L'ultima domanda, invece, richiedeva a ciascun artista delle indicazioni a uso dei lettori, anch'essi presi dal problema ("Ha qualche particolare suggerimento di ascolto per chi ci legge in questo momento?").

Le risposte date dai musicisti sono abbastanza variegate e in parte dipendono dalle loro età, condizioni economiche e contesto familiare; farne una sintesi riassuntiva sarebbe pertanto decisamente ingiusto, oltre che probabilmente impossibile se non falsandone in modo tendenzioso almeno una parte. Ed è un pregio del lavoro non aver voluto trarre conclusioni dalle interviste, ma essersi limitato a mostrarle, una dietro l'altra, come una serie di istantanee documentali di una situazione drammatica e complessa. Al massimo è possibile affermare che si respira in generale un'aria di preoccupazione, ma sono rari i momenti di autentica disperazione o paura; che, fatalmente, mostrano meno preoccupazioni coloro che o sono maggiormente affermati a livello di mercato, o non basano il loro reddito principalmente sull'attività concertistica; che, altrettanto fatalmente, la maggiore criticità (e invero anche la migliore lucidità analitica) nei confronti delle istituzioni viene da coloro che invece debbono la loro sussistenza prevalentemente ai concerti (talune dichiarazioni eccessivamente ottimistiche di musicisti appartenenti all'altro gruppo appaiono talvolta persino un po' surreali); che più o meno tutti, comunque, trovano nella musica—la passione della loro vita—la forza per affrontare con la maggior serenità possibile le lunghe giornate di isolamento.

Un lavoro particolare, questo di Gerlando Gatto, nel quale si parla poco o niente di musica, più uno studio sociologico che un libro sul jazz; e tuttavia un lavoro non solo molto interessante, ma anche a suo modo necessario, per comprendere come davvero abbia vissuto la fase più acuta della pandemia (si spera, visto che oggi siamo di fronte a una forte recrudescenza) una delle categorie più colpite dalle sue conseguenze non sanitarie, ma esistenziali ed economiche, qual è quella dei musicisti jazz.

FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Post a comment

Tags

More

Popular

Read Giving Thanks & Sharing the Jazz Love
Read Your Favorite Living Jazz Guitarists
Read Your Favorite Living Jazz Pianists

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.