Home » Articoli » Album Review » Jason Ajemian: Folklords

2

Jason Ajemian: Folklords

By

Sign in to view read count
Jason Ajemian: Folklords
I detrattori delle tassonomie musicali (sono in tanti, non hanno poi mica torto eh...) possono finalmente esultare. Non ci proveremo nemmeno a "definire" o incasellare in un genere questo nuovo lavoro del contrabbassista Jason Ajemian, Folklords.

A leggere quanto ci dicono le note di copertina (ma lo stesso Ajemian lo aveva già annunciato in qualche intervista), si tratta delle prime registrazioni del progetto "Mythadors," nel quale l'omaggio a alcune figure culturali di riferimento funge da cornice/contenitore per una serie di scenari sonori interattivi. Ma nemmeno questa spiegazione rende al meglio la seducente alterità di questa musica, che vibra di una costante dimensione allucinatoria, irriducibile a qualsivoglia inquadramento stilistico.

Con Ajemian -voce e elettronica oltre al consueto contrabbasso-ci sono l'abrasivo Owen Stewart-Robinson alla chitarra, Kid Bliss/That Young Astronaut al sax alto e Jason Nazary alla batteria. Cinque lunghi brani, dilatati, lacerati come flussi di coscienza tra veglia e sonno. Nei primi due si inanellano il Monk di "Ask Me Now" e il Sun Ra di "Satellites Are Spinning," nel secondo sono alcune composizioni di Mingus a comparire fantasmatiche. Le altre tre composizioni sono di Ajemian, dense, politiche, poetiche, innervate da una febbrile tribalismo post-urbano.

Colpisce l'uso della voce, con i testi declamati, urlati, slabbrati con tono vagamente alterato, a metà tra la no wave e l'ipnosi dell'Alessandro Bosetti più recente, fatti slittare su scivolosi tappeti di feedback o astratti lacerti chitarristici, mentre avanza magari un beat minaccioso (eccellenti in questo senso le ultime due tracce, "Punk the Blues" e "Freedom Is a Trail of Tears," che potrebbero piacere molto ai fans di Mark Stewart).

Avventura da prendere o lasciare, ma se vi fidate di noi, è "prendere" senza indugi, perché è un lavoro che innesca un meccanismo emozionale quasi stordente, tra scrittura automatica e blues, improvvisazione radicale e straniante spiritualità global.
Non a caso da Chicago. Non a caso nel centenario della nascita di Sun Ra.
Volevate qualcosa di nuovo? Eccolo.

Track Listing

Ask Mr. Blount Now suite (Ask Me Now/Ask Mr. Blount Now/Satellites Are Spinning); Orange Is The Color Of The Sun, Then Blue Sky suite (Prelude To The Sun/Orange Was The Color Of Her Dress, Then Blue Silk/Fables Of Faubus/Portrait); Material Girls; Punk The Blues; Freedom Is A Trail Of Tears.

Personnel

Jason Ajemian
bass, acoustic

Jason Ajemian: bass, voice, electronics; Kid Bliss aka That Young Astronaut: alto saxophone, vibrolux; Owen Stewart-Robertson: guitar, electronics, voice; Jason Nazary: drums; Frank Corpus: congas (3).

Album information

Title: Folklords | Year Released: 2014 | Record Label: Delmark Records


< Previous
Meeting Point

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Precipice
Ill Considered
My Prophet
Oded Tzur
Hearts of Palm
Eden Har-Gil

Popular

For Real!
Hampton Hawes
My Prophet
Oded Tzur
Nimble Digits
Geoff Stradling
Time Again
Koppel, Blade, Koppel

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.