All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

2

Federica Michisanti Trio a Valdarno Jazz Summer

Federica Michisanti Trio a Valdarno Jazz Summer
Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Federica Michisanti Trio
Terranuova Bracciolini (AR)
Valdarno Jazz Summer 2018
Fattoria di Montelungo
29.7.2018

Contrabbassista, compositrice e bandleader, la romana Federica Michisanti è una delle più interessanti sorprese del panorama jazzistico nostrano, messasi in luce in particolare con suo ultimo album Isk, in trio con Matt Renzi ai fiati e Simone Maggio al pianoforte.

Bene ha dunque fatto Valdarno Jazz a portarla sul suo palcoscenico, in questo caso nella suggestiva cornice della Fattoria di Montelungo, ai piedi del Pratomagno, per il penultimo appuntamento della XXXII edizione di Valdarno Jazz Summer. Palcoscenico sul quale la Michisanti si è presentata di nuovo in trio e ancora con Matt Renzi (impegnato al solo sax tenore), ma stavolta senza pianoforte bensì con il trombettista Francesco lento, con un progetto del tutto nuovo: una suite scritta per l'occasione, composta di sette brani legati tra loro da brevi improvvisazioni.

Una composizione complessa e cangiante, partita con veemenza free —l'attacco di Renzi, al quale si è subito associato Lento —e proseguita con scenari di volta in volta diversi, ma caratterizzata da due fattori fondanti e tangibili nel corso dell'esecuzione: la presenza di una precisa, ben elaborata idea musicale e la centralità del contrabbasso della leader, cuore pulsante della musica e vero cardine attorno al quale essa ruotava, aprendosi ora a questo, ora a quell'universo sonoro.

La contrabbassista, infatti, non ha mai lasciato un istante il filo del discorso musicale, dirigendo i due compagni attraverso le corde del suo strumento e, talvolta, con sguardi e segni della testa. Senza peraltro farsi mancare un paio di splendidi assoli, corposi nel suono e discorsivi nel fraseggio, ben aldilà del suo ruolo ritmico nell'ossatura della suite.

Eccellenti i due fiati: Renzi si è dimostrato tenorista dall'espressività assai varia —ora esplosiva, ora più quieta, ora pulita, ora ricca di artifici—ma soprattutto del tutto personale, specie sul piano del fraseggio, frammentato e dalla dinamica mutevole, anche se mai criptico o meramente virtuosistico; Lento ha mantenuto per lunghe parti un profilo dinamicamente più contenuto, esprimendosi più liricamente e su atmosfere maggiormente sospese, tranne uscire più prepotentemente in un paio di assoli. Notevoli comunque i momenti di dialogo tra i due e anche quelli di ciascuno con la Michisanti.

Nella sua varietà e nella costante presenza di un discorso narrativo, la musica è parsa un eccellente compromesso tra jazz moderno e avanguardia compositiva: sempre scorrevole e diretta, ma imprevedibile nei suoi sviluppi e con frequenti spazi di libertà improvvisativa, in particolare nelle parti di raccordo, condotte a turno dall'uno o dall'altro dei protagonisti.

Un concerto che ha persuaso un pubblico attento, che ha acclamato i musicisti nonostante alcune piccolissime imperfezioni, frutto esclusivo dell'essere una "prima" assoluta, per giunta strutturalmente assai complessa. Conferma per un'artista interessantissima da seguire sempre con la massima attenzione.

Foto: Carlo Braschi.

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Beethoven, Barber and Vivaldi at The Jazz Corner Live Reviews
Beethoven, Barber and Vivaldi at The Jazz Corner
by Martin McFie
Published: September 18, 2018
Read Bryan Ferry at the Macedonian Philharmonic Hall, Macedonia 2018 Live Reviews
Bryan Ferry at the Macedonian Philharmonic Hall, Macedonia...
by Nenad Georgievski
Published: September 16, 2018
Read Live From Birmingham: Dinosaur, Meatraffle, Hollywood Vampires, Black Asteroids & Paul Lamb Live Reviews
Live From Birmingham: Dinosaur, Meatraffle, Hollywood...
by Martin Longley
Published: September 16, 2018
Read Binker & Moses At London's Jazz Cafe Live Reviews
Binker & Moses At London's Jazz Cafe
by Chris May
Published: September 15, 2018
Read 12 Points 2018 Live Reviews
12 Points 2018
by Ian Patterson
Published: September 14, 2018
Read Chicago Jazz Festival 2018 Live Reviews
Chicago Jazz Festival 2018
by Patrick Burnette
Published: September 12, 2018
Read "Trish Clowes at Mermaid Arts Centre" Live Reviews Trish Clowes at Mermaid Arts Centre
by Ian Patterson
Published: February 17, 2018
Read "Anat Fort Quartet at Cornelia Street Café" Live Reviews Anat Fort Quartet at Cornelia Street Café
by Tyran Grillo
Published: March 1, 2018
Read "Hot Sugar at Jazz Cafe Montparnasse" Live Reviews Hot Sugar at Jazz Cafe Montparnasse
by Martin McFie
Published: July 14, 2018
Read "The NJE at Indo, Whitechapel" Live Reviews The NJE at Indo, Whitechapel
by Gareth Thompson
Published: February 5, 2018
Read "Boston Celebration: The Legacy of Bob Brookmeyer" Live Reviews Boston Celebration: The Legacy of Bob Brookmeyer
by Doug Hall
Published: March 13, 2018