All About Jazz

Home » Articoli » Interviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

1

Dave Douglas, direttore artistico di Bergamo Jazz Festival

Libero Farnè By

Sign in to view read count
Basta un'occhiata veloce al programma di Bergamo Jazz 2017 per rendersi conto di alcune prerogative caratterizzanti. Innanzi tutto spicca la diffusione degli eventi in diversi spazi della città, più che nelle edizioni passate. Ai collaudati luoghi da concerto principali, in primis l'Auditorium di Piazza della Libertà e il Teatro Sociale, oltre al prestigioso Teatro Donizetti, si aggiungono sedi inedite, come la Biblioteca Angelo Mai e l'Accademia Carrara, riaperta un paio d'anni fa dopo un radicale riallestimento. Inoltre emerge l'impostazione della programmazione artistica, tesa a indagare in diverse aree espressive, assetata di varietà e attualità. Vengono quindi presentati il britannico Andy Sheppard e il norvegese Christian Wallumrod, Marilyn Mazur e i due Parker (Evan e William), Bill Frisell e molti rappresentanti del jazz lombardo... Dell'impegno organizzativo, degli obiettivi e dei criteri generali di tale programmazione abbiamo parlato con Dave Douglas: il trombettista americano è stato nominato per il secondo anno consecutivo direttore artistico del festival, che dopo l'anteprima del 19 marzo prenderà il via il 23 per concludersi il 26 del mese.

All About Jazz: Come direttore artistico di Bergamo Jazz Festival quali obiettivi e criteri hai tenuto presente per invitare i gruppi?

Dave Douglas: Per me l'obiettivo più importante è usare al meglio lo spazio. Naturalmente il Teatro Donizetti è un ambiente bellissimo, per cui penso che sia veramente importante programmare della musica che possa risaltare bene in quel contesto. Ma è stata una buona idea quella di diffondere il festival in nuovi spazi della città. Che si tratti di una biblioteca o di un convento, l'obiettivo è sempre quello di trovare il suono ideale per quello spazio. La sonorità è tutto. Inoltre penso che sia importante cercare di cogliere il più possibile la dimensione della spinta creativa all'interno della musica attuale. Si tratta di un festival di jazz ed è importante essere a conoscenza di tutti i diversi percorsi presi dalla musica proveniente dal jazz.

AAJ: Sei anche il direttore del Festival of New Trumpet Music che si svolge annualmente a New York. Quali differenze e analogie ci possono essere fra questi due eventi?

DD: Questi due festival sono in effetti molto diversi fra loro. Innanzi tutto l'incarico del Trumpet Festival, che non è un festival jazz, prevede di presentare trombettisti di ogni ambito musicale. Si tratta di un festival che sostiene la cultura della pratica dello strumento; pertanto presentiamo solo progetti focalizzati sulla tromba. Quello di Bergamo è invece un festival jazz e l'idea è presentare un campione il più ampio possibile di musica e musicisti. Nel caso di Bergamo poi c'è un sostegno generoso da parte della città e del teatro, che rappresenta una parte piuttosto importante di ciò che facciamo.

AAJ: Negli ultimi dieci anni tre trombettisti hanno diretto il festival di Bergamo. È solo un caso o pensi che ci possano essere delle ragioni precise?

DD: Vero, ma non dimentichiamo che anche Uri Caine ne è stato direttore artistico. Non credo che ci sia alcuna ragione per cui tre dei direttori sono anche trombettisti. Può esserci forse il motivo che i trombettisti sono leader naturali! Ma molto onestamente non penso ci sia una qualche ragione.

AAJ: In fase di stesura del programma del festival hai ricevuto suggerimenti, richieste, pressioni da parte di musicisti, manager o uomini politici?

DD: Accolgo volentieri i suggerimenti; sarebbe folle pensare che so tutto solo io. Perciò soppeso tutte le cose che sento e le proposte che ricevo. La parte più difficile è quando devo dire di no a progetti degni; quello è sempre un dispiacere per me. L'obiettivo principale è organizzare un festival equilibrato, interessante e diverso. Con la giusta musica nel giusto spazio.

AAJ: Per molte ragioni oggi molti festival jazz presentano anche rock, pop music, musica brasiliana... Cosa che non capita a Bergamo; è dovuto a una tua scelta precisa?

DD: Sì, percepisco che a Bergamo c'è una reale curiosità culturale. La sensazione che io ricevo da tutti coloro che sono implicati, a qualsiasi livello, è di esigere la più alta qualità musicale e una profonda curiosità per i nuovi sviluppi e le sonorità attuali. Come pure la disponibilità ad andare più a fondo nel significato della musica di quanto possiamo già conoscere. Qual è il significato di ciò che presentiamo e perché lo presentiamo? Questo è ciò che intendo per curiosità culturale. Nell'accettare questo incarico, posi alcune domande su questo tema; sento che l'atteggiamento è molto caldo, aperto e generoso e sono pieno di gratitudine per questo.

AAJ: ...Ma come definiresti oggi il jazz?

DD: Se me lo si concede, non mi addentrerei nella definizione di cosa sia il jazz oggi! La definizione del jazz sta nelle mani dei vari musicisti che lo suonano.

Tags

comments powered by Disqus

Garden State

Garden State

Dave Douglas
Time Travel

Bad Mango

Bad Mango

Dave Douglas
Bad Mango

The Gulf

The Gulf

Dave Douglas
Orange Afternoons

Safeway

Safeway

Dave Douglas
Rare Metals

Live Reviews
Catching Up With
CD/LP/Track Review
Genius Guide to Jazz
Live Reviews
Read more articles
The New National Anthem

The New National...

Greenleaf Music
2017

buy
Little Giant Still Life

Little Giant Still...

Greenleaf Music
2017

buy
Dark Territory

Dark Territory

Greenleaf Music
2016

buy
Dada People

Dada People

Greenleaf Music
2016

buy
High Risk

High Risk

Greenleaf Music
2015

buy
Brazen Heart

Brazen Heart

Greenleaf Music
2015

buy

Related Articles

Read Linley Hamilton: Strings Attached Interviews
Linley Hamilton: Strings Attached
by Ian Patterson
Published: April 17, 2018
Read Camille Bertault: Unity in Diversity Interviews
Camille Bertault: Unity in Diversity
by Ludovico Granvassu
Published: April 10, 2018
Read Chad Taylor: Myths and Music Education Interviews
Chad Taylor: Myths and Music Education
by Jakob Baekgaard
Published: April 9, 2018
Read Fabian Almazan: Multilayered Vision Interviews
Fabian Almazan: Multilayered Vision
by Angelo Leonardi
Published: March 30, 2018
Read Ryuichi Sakamoto: Naturally Born to Seek Diversity Interviews
Ryuichi Sakamoto: Naturally Born to Seek Diversity
by Nenad Georgievski
Published: March 27, 2018
Read Leonardo Pavkovic: Nothing is Ordinary Interviews
Leonardo Pavkovic: Nothing is Ordinary
by Chris M. Slawecki
Published: March 16, 2018
Read "Dafnis Prieto: Cross-Cultural Mix" Interviews Dafnis Prieto: Cross-Cultural Mix
by Angelo Leonardi
Published: March 13, 2018
Read "Todd Neufeld: Transcending the Limits of Sound" Interviews Todd Neufeld: Transcending the Limits of Sound
by Jakob Baekgaard
Published: September 7, 2017
Read "Julian Priester: Reflections in Positivity" Interviews Julian Priester: Reflections in Positivity
by Paul Rauch
Published: December 8, 2017
Read "Mica Bethea: Quintessential Band Geek" Interviews Mica Bethea: Quintessential Band Geek
by Barbara Salter Nelson
Published: January 29, 2018
Read "Thomas Strønen: Sense of Time" Interviews Thomas Strønen: Sense of Time
by Enrico Bettinello
Published: February 6, 2018