Paolo Fresu: Carpe Diem

Angelo Leonardi BY

Sign in to view read count
Paolo Fresu: Carpe Diem
Nato 12 anni fa in dialettica relazione con l'Angel Quartet, identico nella strumentazione ma dalla decisa impronta elettrica ed elettronica, il Devil Quartet di Paolo Fresu aveva mantenuto nei due dischi precedenti (Stanley Music del 2007 e Desertico del 2013) le relazioni con l'elettricità, pur diversificando la ricerca timbrica e aggiungendo dosi di lirismo.

Oggi il nuovo progetto si presenta in versione totalmente acustica, accentuando decisamente la chiarezza melodica, la purezza timbrica e la cantabilità dei percorsi. Il ripiegamento verso una dimensione intima è evidente e il nuovo repertorio —che viene presentato in numerosi concerti live da alcuni mesi —risulta ancor più attrattivo al grande pubblico per le profonde suggestioni liriche e qualche brivido davisiano.

Basta ascoltare le prime tracce del disco per condividere le ragioni di una scelta profondamente sentita, che si colloca in una dimensione poetica senza tempo ma che non rinuncia a qualche virata verso l'informale e la libera improvvisazione. Ci riferiamo in particolare a «Dum Loquimur, Fugerit Invida Aetas» e «Quam Minimum Credula Postero» che, unite a "Carpe Diem," completano la celebre frase di Orazio ("Mentre parliamo sarà fuggito avido il tempo. Vivi il presente confidando il meno possibile nel domani"). Niente di meglio della libera improvvisazione —ribadiscono Fresu e i suoi —per vivere intensamente il presente.

La paternità dei quattordici brani è divisa equamente tra i membri del gruppo e la maggior parte sono ballad, splendidamente eseguite con ricco interplay. Tornato al suo strumento preferito, la chitarra acustica, Bebo Ferra si dimostra partner quando mai congeniale anche in front line, con interventi dallo spiccato senso lirico. Nell'ovvio rispetto dei ruoli strumentali Paolino Dalla Porta e Stefano Bagnoli non sono da meno. Se l'amore per il Miles Davis classico caratterizza «Lines», altri brani svelano una dolcezza melodica tutta italiana: in particolare «Secret Love» di Dalla Porta e «Giulio Libano» il tema di Bagnoli dedicato al trombettista, autore e direttore d'orchestra scomparso nel 2016.

Track Listing

Home; Carpe Diem; In minore; Enero; Dum Loquimur, fugerit invida aetas; Lines; Secret Love; Ballata per Rimbaud; Ottobre; Un tema per Roma; Human Requiem; Quam minimum credula postero; Giulio libano; Un posto al sole.

Personnel

Paolo Fresu; trumpet and flugelhorn; Bebo Ferra: acoustic guitar; Paolino Dalla Porta: doublebass; Stefano Bagnoli: drums.

Album information

Title: Carpe Diem | Year Released: 2018 | Record Label: Tuk Music

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Wandersphere
Stephan Crump
This Land
Theo Bleckmann & The Westerlies
Trust Me
Gerry Eastman Trio
Pittsburgh
Matthew Stevens
Wandersphere
Borderlands Trio: Stephan Crump / Kris Davis /...
Kinds of Love
Renee Rosnes

Popular

Absence
Terence Blanchard featuring The E-Collective
The Garden
Rachel Eckroth
Time Frames
Michael Waldrop

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.