Home » Jazz Articles » Aardvark Jazz Orchestra

Jazz Articles about Aardvark Jazz Orchestra

Album Review

Aardvark Jazz Orchestra: Faces Of Souls

Read "Faces Of Souls" reviewed by Angelo Leonardi


Si avvicina al cinquantesimo anno di attività l'Aardvark Jazz Orchestra, fondata nel 1973 da Mark Harvey e ancora diretta dall'inossidabile trombettista, compositore e bandleader di Boston. In questo nuovo disco--il decimo pubblicato con la Leo Records e registrato live in varie occasioni--ritroviamo il consueto eclettismo della formazione, capace di passare da quadri in libera improvvisazione a concitazioni rock anche in uno stesso brano. Per la verità stavolta i contrasti sono più smussati e tendono a prevalere compostezza ...

Album Review

The Aardvark Jazz Orchestra: Democratic Vistas

Read "Democratic Vistas" reviewed by Angelo Leonardi


Il titolo della nona incisione dell' Aardvark Jazz Orchestra per la Leo (il 15mo disco in 46 anni di attività!) riprende quello di un saggio di Walt Whitman del 1871 che denunciava la corruzione politica e la decadenza morale dell'epoca tardo vittoriana. È l'annuncio di un disco “politico," che il leader della formazione Mark Harvey ha voluto proporre con l'esecuzione di due suites: la prima di quasi ventotto minuti e la seconda di quaranta. I titoli delle ...

Multiple Reviews

Nuove esplorazioni dell'Aardvark Jazz Orchestra

Read "Nuove esplorazioni dell'Aardvark Jazz Orchestra" reviewed by Angelo Leonardi


I due ultimi album dell'Aardvark Jazz Orchestra confermano il versatile e poliedrico approccio del suo fondatore e leader, Mark Harvey. In una carriera di oltre quattro decenni la formazione bostoniana ha mostrato di operare con competenza e creatività in tutto l'arco dell'orchestrazione jazz: da rivisitazioni ellingtoniane a esplorazioni post-free, in sintesi tra momenti cameristici e libere improvvisazioni. Entrambi i dischi sono registrati dal vivo. Nel primo emerge una particolare attenzione per la tradizione country, nel secondo (l'ottavo inciso ...

1
Album Review

Aardvark Jazz Orchestra: Impressions

Read "Impressions" reviewed by Angelo Leonardi


Prossimo ai settanta Mark Harvey continua a guidare l'Aardvark Jazz Orchestra che ha fondato 42 anni fa. La formazione è poco nota fuori degli Stati Uniti ma vanta un percorso glorioso, documentato da dodici album, di cui sette incisi per la Leo Records. Nel corso della sua storia ha ospitato musicisti di primo piano come Jaki Byard, Sheila Jordan, Jimmy Giuffre, Geri Allen, Vinny Golia o Paul Lovens. Come si può intuire, il suo approccio è poliedrico ...

Album Review

The Aardvark Jazz Orchestra: Evocations

Read "Evocations" reviewed by AAJ Italy Staff


La Aardvark Jazz Orchestra festeggia i suoi 40 anni di attività con un album che racchiude sette brani di lunghezza variabile (si va dai tre minuti del secondo brano agli oltre ventuno minuti del brano finale) registrati in varie occasioni fra il 2004 e il 2011. L'approccio di Mark S. Harvey, leader di questa orchestra, assomiglia molto più a quello di George Russell che non a quello di Gil Evans, anche se nel passato Harvey ha collaborato con entrambi. Certe ...

3
Album Review

The Aardvark Jazz Orchestra: Evocations

Read "Evocations" reviewed by Glenn Astarita


The Aardvark Jazz Orchestra, led by pianist, trumpeter, composer and music director Mark Harvey, celebrates its sixth album for Leo Records. Recorded at various venues in the Boston, MA, area, the orchestra's empirical gait surges forward, as no two compositions are distinctly alike. Variety is always an underlying factor within the band's manifesto; from military orchestral progressions to avant-garde expressionism and a few nods to convention, the musicians tie quite a few genres and stylizations into a broad soundstage.

1
Album Review

Aardvark Jazz Orchestra: American Agonistes

Read "American Agonistes" reviewed by AAJ Italy Staff


I primi due brani di questo disco, pubblicato a nome dell’ormai trentacinquenne Aardvark Jazz Orchestra, sono stati registrati dal vivo una settimana dopo la tragedia dell’ 11 settembre. Da qui l’impostazione di fondo e l’ispirazione di questo lavoro, che nasce sulla base di una forte critica alla politica degli States nell'era di Bush. Inevitabile dunque che il pezzo d’apertura si muova in un clima di evidente angoscia, lungo un’atmosfera sgomenta. Un sentimento accentuato da un’improvvisazione corale molto lenta, fatta di ...


Engage

Contest Giveaways
Enter our latest contest giveaway sponsored by Justin Time Records
Polls & Surveys
Vote for your favorite musicians and participate in our brief surveys.
Publisher's Desk
Videos Wanted, Numbers and Tips
Read on...

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.