Home » Articoli » Andrew D'Angelo: Andrew D'Angelo & DNA Orchestra

Album Review

Andrew D'Angelo: Andrew D'Angelo & DNA Orchestra

By

Sign in to view read count
Andrew D'Angelo: Andrew D'Angelo & DNA Orchestra
Dopo quasi un decennio di attività, la DNA Orchestra di Andrew D'Angelo debutta con questo vulcanico album (al momento reperibile solo su Bandcamp) che raccoglie alcuni brani scritti dal leader e presentati in passati concerti.

Dopo le drammatiche notizie del 2008 sulla salute del sassofonista (due interventi chirurgici per un tumore al cervello e una lunga terapia "alternativa" scelta da lui) fa piacere vederlo tornare in attività con quella forza d'urto che l'aveva imposto sulla scena di New York due decenni fa.

Nato a Seattle, il sassofonista s'è trasferito a New York nel 1985 collaborando a lungo con Chris Speed, Jim Black e Kurt Rosenwinkel. Ha fatto parte a lungo dell'Either/Orchestra e dei gruppi di Bobby Previte, Jamie Saft, Ed Schuller. Ha pubblicato alcuni album a suo nome in piccole formazioni e questo è il suo primo album orchestrale.

L'attuale edizione della DNA Orchestra (da non confondere con l'omonimo organico di musica house) comprende musicisti di prim'ordine come il cornettista Kirk Knuffke, il trombonista Josh Roseman, il sassofonista tenore Bill McHenry e il bassista Trevor Dunn è un ensemble di singolare impatto timbrico e avvincente forza espressiva. La dimostrazione palpabile viene già dai primi due brani e si rinnova in altri momenti del percorso musicale per concludersi in un finale a dir poco travolgente.

"Free Willy" (brano composto per il batterista Matt Wilson) parte subito con un concitato intervento di tromba sul solo sostegno percussivo per continuare alternando vociferanti collettivi free ad altri assoli (tra cui quello magnetico di Andrew, ricco d'inflessioni ornettiane). Segue "Egna of Waog," caratterizzato da momenti di tensione e distensione: un'introduzione rumoristica, un lungo e articolato sviluppo tematico esposto dal collettivo, un veemente assolo di chitarra elettrica (Sasha Brown) e una parte finale esplosiva, con l'intervento free di Andrew D'Angelo che svetta sulle deflagrazioni orchestrali.

Sullo stesso clima è la nuova versione di "Big Butt"—brano composto nel 1993 per l'Either/Orchestra e presentato in altre occasioni—seguito dalle ballad "Felicia" e "I Love You," che introducono un po' di distensione. Dopo altri episodi di marca espressionista, il finale con "Meg Nen Sa" segna uno dei momenti più trascinanti del disco, caratterizzato da continui colpi di scena, masse sonore traboccanti, ritmi incalzanti e vari assoli (Josh Roseman, Andrew D'Angelo, Dan Weiss). Un'orchestra imperdibile e un solista/bandleader da riscoprire.

Album della settimana.

Track Listing

Free Willy; Egna of Waog; Big Butt; Felicia; Gay Disco; Marching Fuckers; I Love You; Norman; Meg Nem Sa.

Personnel

Andrew D'Angelo: saxophone, alto; John Carlson: trumpet; Jacob Wick: trumpet; Kirk Knuffke: cornet; Ryan Snow: trombone; Josh Roseman: trombone; Brian Drye: trombone; Jeremy Udden: saxophone, alto; Bill McHenry: saxophone, tenor; Josh Sinton: saxophone, baritone; Nicole Federici: viola; Sasha Brown: guitar; Trevor Dunn: bass; Dan Weiss: drums.

Additional Instrumentation

Andrew D’Angelo: compositions, arrangements, bass clarinet, voice; Eric Biondo: beat box.

Album information

Title: Andrew D'Angelo & DNA Orchestra | Year Released: 2020 | Record Label: Self Produced

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Pan Africa
Derrick Gardner & The Jazz Prophets
Antonyms
Dominic Lash, Alex Ward
The Source
Kenny Barron
Espérame en el Cielo
Gilbert Castellanos

Popular

Exude
Francesca Han & Ralph Alessi
Baker's Dozen
The Muffins
Blues & Bach: The Music Of John Lewis
Enrico Pieranunzi Trio & Orchestra
The Border
Douwe Eisenga

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.