All About Jazz

Home » Articoli » Album Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

1

Yaron Herman: A Time for Everything

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Primo disco in trio per il giovane pianista israeliano - ma attivo sulla scena francese - Yaron Herman, bene assecondato da Matt Brewer al contrabbasso e da Gerald Cleaver alla batteria. La musica di A Time for Everything si inserisce a pieno titolo in un filone ormai abbastanza battuto, quello [con le dovute differenze pensiamo al trio EST o ai Bad Plus] che muove dalla tradizione del piano trio per innestarvi modalità ritmico espressive più vicine al rock e alla popular music.

In questo processo, la presenza di composizioni pop-rock [più o meno celebri] che vengono rilette accanto a qualche originale, a classici del jazz o a brani di musica classica [gettonatissimi i compositori del primo Novecento] sembra un dato quasi irrinunciabile e Herman non fa certo eccezione.

Il disco si apre con "Army of Me" di Bjork e si chiude con la ormai abusata "Hallelujah" di Leonard Cohen [canzone meravigliosa e già miracolata dalla rarissima possibilità di una "seconda vita" nell'interpretazione di Jeff Buckley], ma in mezzo c'è ecumenico spazio anche per un preludio di Scriabin, per "Message in a Bottle" dei Police e anche - avanti c'è posto - per la Britney Spears di "Toxic", mentre a rappresentare la categoria "standards" c'è, un po' come quando a Sanremo compare Peppino di Capri, "In the Wee Small Hours of the Morning".

Con l'idea è che qualsiasi cosa può essere materiale per riarrangiare e improvvisare, si muove per forza parallela quella che alla fine la "fonte" tematica non è così importante: è così? Si tratta invece di un modo per rendere più comunicativa la musica a un pubblico più giovane? Pare davvero strano che un musicista intelligente e dotato come Herman - e con lui i suoi compagni - pur cresciuto a Bjork e Police, non si renda conto di quanto impoverente sia dare un vestito jazz a quei temi.

Tanto più che le composizioni originali non sono niente male, scorrono leggere e funzionali alla bella mobilità del trio [la ballad "Neshima", ma anche la più tradizionale "Stompin" o la ipnotica "Paluszki"], rivelando Herman come un pianista tutt'altro che banale.

"Un tempo per qualsiasi cosa" dice il titolo del disco, forse in attesa di un tempo per le cose migliori, che sono nelle corde del musicista israeliano.

Track Listing: Army of Me; Stompin; Layla Layla; Interlude; Toxic; Neshima; Paluszki; Prelude No. 2 in B Flat Major, Opus 35; Message in a Bottle; MMM, Monkey Paradise; In the Wee Small Hours of the Morning; El Toro; Hallelujah.

Personnel: Yaron Herman: piano; Matt Brewer: bass; Gerald Cleaver: drums; Jean Pierre Ta

Title: A Time for Everything | Year Released: 2007 | Record Label: Laborie Records

Tags

comments powered by Disqus

Shop for Music

Start your music shopping from All About Jazz and you'll support us in the process. Learn how.

Album Reviews
Interviews
Album Reviews
Read more articles
Everyday

Everyday

Blue Note Records
2015

buy
 

Alter Ego

ACT Music
2013

buy
 

Alter Ego

The ACT Company
2012

buy
Muse

Muse

Sunnyside Records
2009

buy

Upcoming Shows

Date Detail Price
Jul6Sat
Yaron Herman
Jazzopen Stuttgart
Stuttgart, Germany
Aug28Wed
Yaron Herman
Elbphilharmonie Hamburg
Hamburg, Germany
Sep7Sat
Christian Sands, Yaron Herman, Eric Legnini Trio
Philharmonie De Paris
Paris, France

Related Articles

Read Sheer Reckless Abandon Album Reviews
Sheer Reckless Abandon
By John Kelman
May 19, 2019
Read Gratitude: Stage Door Live @ the Z Album Reviews
Gratitude: Stage Door Live @ the Z
By Jack Bowers
May 19, 2019
Read To My Brothers Album Reviews
To My Brothers
By Victor L. Schermer
May 19, 2019
Read Social Music Album Reviews
Social Music
By Roger Farbey
May 19, 2019
Read Circle Inside The Folds Album Reviews
Circle Inside The Folds
By John Eyles
May 18, 2019
Read Momentum Album Reviews
Momentum
By Jerome Wilson
May 18, 2019
Read Bonsai Club Album Reviews
Bonsai Club
By Roger Farbey
May 18, 2019