Learn How

We need your help in 2018

Support All About Jazz All About Jazz is looking for 1,000 backers to help fund our 2018 projects that directly support jazz. You can make this happen by purchasing ad space or by making a donation to our fund drive. In addition to completing every project (listed here), we'll also hide all Google ads and present exclusive content for a full year!

0

Chris Rogers: Voyage Home

Niccolò Lucarelli By

Sign in to view read count
Il jazz non è soltanto un genere musicale: per qualcuno è anche un luogo affettivo, dove ritrovare le proprie radici, vecchie conoscenze, episodi della propria vita, atmosfere familiari. Accade anche per Chris Rogers in Voyage Home, il cui titolo, che può essere tradotto con "rotta verso casa," lascia intendere come l'autore abbia voluto percorrere un viaggio sonoro a ritroso nel jazz così come nella sue personale formazione musicale, riunendo per l'occasione alcuni dei più talentuosi musicisti in circolazione. Due diverse formazioni concorrono al progetto: una con Steve Khan alla chitarra, e un'altra con Xavier Davis al pianoforte che prende il posto del collega, cambiando anche l'atmosfera dei brani, arricchendo la struttura dell'album. Lo swing e il bebop ne costituiscono gli elementi principali, sempre costantemente sostenuti dalla sezione dei fiati, con protagonisti Rogers alla tromba, e Roger Rosenberg, Ted Nash, e Michael Brecker al sax. Grazie alla tecnologia, nella quinta traccia a lui dedicata, "Ballad for B.R.," è stato inserito un passaggio al trombone (eseguito nel 1965) dal padre dell'autore, Barry Rogers, scomparso nel 1991.

Un album a suo modo misterioso, registrato nel 2001 e uscito nel 2016, con nove brani originali che sviluppano un suono intenso, a tratti vivace su tonalità swing, a tratti più meditativo, affidato ai lenti passaggi dei fiati; un giusto mix di mainstream e sperimentazione, con un interplay sobrio, che lascia intravedere brevi spazi di luce lunare fra uno strumento e l'altro; l'influenza tenebrosa di Miles Davis emerge con discrezione, in un bebop elegante che qua e là strizza l'occhio alla Vecchia Broadway, per brevi lampi luminosi, rapide eccezioni in un album dai colori crepuscolari.

"Counter change" è un coinvolgente brano dal sapore di swing, sostenuto dalle vivacissime percussioni di Steve Johns e dal pianoforte di Xavier Davis, mentre "The Mask," titolo emblematico dove appunto il jazz cala la maschera per rivelarsi sottoforma di un garbato free, in virtù degli enigmatici passaggi di Nash al sax; un brano caldo e colorato come una sfilata allegorica a New Orleans, che però non rinuncia a incursioni sonore più classiche, con il pianoforte in sottofondo di Davis che nell'ultimo terzo si scatena su un atipico honky tonk appena latineggiante. Un brano che coinvolge e sorprende,

Uno dei momenti più interessanti dell'album, musicalmente e umanamente, arriva con il citato a Barry Rogers (musicista interessato a sperimentare contaminazioni fra generi diversi); l'apertura, con Rogers e Nash che duettano ai fiati, costruendo in apertura una sorta di struggente marcia funebre che ha il sapore di un tramonto sull'Hudson. Poi l'atmosfera si dilata, assumendo un'elegante compostezza urbana, sullo stile di Miles Davis.

Rogers tocca i suoi momenti migliori nella vivace apertura di "Whit's'End" e nei compassati fraseggi di "Ever After," lasciando poi ampi spazi ai colleghi al sax con i quali dialoga creando atmosfere emotivamente intense, in virtù delle quali, il suo jazz trova un'eco nella narrativa di Philip Roth, in particolare in Pastorale Americana, romanzo di ampio respiro sulle proprie radici e sul senso di appartenenza. Rogers appartiene al mondo del jazz, e questo suo album è il modo per raccontarlo al mondo.

Track Listing: Counter Change; Voyage Home; Whit's End; The Mask; Ballad for B. R.; Rebecca; Ever After; Six Degrees; The 12-Year Itch.

Personnel: Chris Rogers: trumpet, keyboards (6, 7); Michael Brecker: tenor saxophone (1, 3); Ted Nash: tenor saxophone, alto saxophone (2, 4, 5, 9); Steve Khan: guitar (6-8); Xavier Davis: piano (1-5, 9); Jay Anderson: bass; Steve Johns: drums; Barry Rogers: trombone (5); Roger Rosenberg: baritone saxophone (5); Art Baron (5); Mark Falchock: synthesizer, keyboards (2, 4, 9); Willie Martinez: congas, percussion (6, 7).

Title: Voyage Home | Year Released: 2017 | Record Label: Art of Life Records


Tags

Related Video

comments powered by Disqus

More Articles

Read Shadow Work CD/LP/Track Review Shadow Work
by Phil Barnes
Published: November 22, 2017
Read Veterans of Jazz CD/LP/Track Review Veterans of Jazz
by Mark Sullivan
Published: November 22, 2017
Read Ariel CD/LP/Track Review Ariel
by Paul Rauch
Published: November 22, 2017
Read Fukushima CD/LP/Track Review Fukushima
by Dan McClenaghan
Published: November 22, 2017
Read Dedication CD/LP/Track Review Dedication
by Dan Bilawsky
Published: November 21, 2017
Read Surface of Inscription CD/LP/Track Review Surface of Inscription
by Glenn Astarita
Published: November 21, 2017
Read "Music From An Imaginary Land" CD/LP/Track Review Music From An Imaginary Land
by Karl Ackermann
Published: June 14, 2017
Read "Woody Guthrie - The Tribute Concerts" CD/LP/Track Review Woody Guthrie - The Tribute Concerts
by Jakob Baekgaard
Published: September 20, 2017
Read "The Singles" CD/LP/Track Review The Singles
by Doug Collette
Published: October 1, 2017
Read "Soul Garden" CD/LP/Track Review Soul Garden
by C. Michael Bailey
Published: April 29, 2017
Read "The Dead Man" CD/LP/Track Review The Dead Man
by James Nadal
Published: April 4, 2017
Read "I Believe In You" CD/LP/Track Review I Believe In You
by Dan Bilawsky
Published: August 18, 2017

Support All About Jazz's Future

We need your help and we have a deal. Contribute $20 and we'll hide the six Google ads that appear on every page for a full year!

Please support out sponsor