Home » Articoli » Whit Dickey, William Parker, Matthew Shipp: Village Mothership

Album Review

Whit Dickey, William Parker, Matthew Shipp: Village Mothership

By

Sign in to view read count
Whit Dickey, William Parker, Matthew Shipp: Village Mothership
Inciso nel febbraio 2020 e pubblicato alla fine dell'anno seguente, questo notevole album, frutto di una seduta di libera improvvisazione ma il cui principale responsabile è l'oggi sessantottenne batterista newyorchese Whit Dickey, che nell'ultimo trentennio non ha mancato di fornire ampie testimonianze del suo valore, è di quelli che ci fanno capire quali ragguardevoli risorse e possibilità rigenerative possa ancora vantare una formula che per anzianità di servizio e assiduità di frequentazione potrebbe apparire a occhi distratti persino consunta (come spesso in effetti è), nel momento in cui la stessa venga posta nelle mani giuste, di musicisti creativi e curiosi (anche e soprattutto reciprocamente) come i tre che qui troviamo a interagire fra loro.

I sei brani che compongono il lavoro, tutti tranne uno (il quinto, "Down Void Way," più breve) di durata compresa fra gli otto e gli undici minuti (in entrambi i casi abbondanti), hanno tutti una loro assoluta dignità, logica e capacità di farsi ascoltare grazie ad architetture e temperature articolate, ora più quiete ora più nervose, in un dialogo a tre voci che prevarica decisamente le sortite solistiche, che peraltro non mancano (spesso poste in avvio di brano). E' però tutto ciò che ognuno dei tre, come detto, vuole carpire, conoscitivamente, agli altri due per poter arricchire al meglio il discorso corale l'elemento che più salta all'occhio e che più ci preme (e ci fa piacere) evidenziare. Sempre per quanto si diceva all'inizio nell'ottica di una continua rivitalizzazione di una formula che consunta non è. Solo a volerlo credere e a remare in questa direzione. Chiamandosi Whit Dickey, William Parker e Matthew Shipp, con tutta la loro storia e la loro statura di musicisti creativi, ma anche in tanti altri modi possibili.

Track Listing

A Thing & Nothing; Whirling In The Void; Nothingness; Village Mothership; Down Void Way; Nothing & A Thing.

Personnel

Whit Dickey: drums; William Parker: bass; Matthew Shipp: piano.

Album information

Title: Village Mothership | Year Released: 2021 | Record Label: Tao Forms

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

Pan Africa
Derrick Gardner & The Jazz Prophets
Antonyms
Dominic Lash, Alex Ward
The Source
Kenny Barron
Espérame en el Cielo
Gilbert Castellanos

Popular

Exude
Francesca Han & Ralph Alessi
Baker's Dozen
The Muffins
Blues & Bach: The Music Of John Lewis
Enrico Pieranunzi Trio & Orchestra
The Border
Douwe Eisenga

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.