All About Jazz

Home » Articoli » CD/LP/Track Review

0

Alexander Hawkins / Elaine Mitchener Quartet: UpRoot

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Alexander Hawkins, pianista avventuroso pur senza eccessivi salti nel vuoto, frequenta svariati organici, di cui questo —piano trio più voce —potrebbe anche apparire abbastanza usuale, se non fosse che poi, alla prova dei fatti, tutto procede abbastanza eccentrico rispetto a tale assunto.

La cointestataria del quartetto, la vocalista anglo-giamaicana Elaine Mitchener, per cominciare, non è minimamente una cantante tradizionale. Non è, anzi, neppure una cantante. Non solo, almeno. Dice, porge, declama, oltre a cantare (comunque secondo parametri sempre piuttosto personali), come svariati momenti del disco testimoniano, e del resto neppure basso e batteria si muovono secondo canoni particolarmente battuti.

Si parte con un brano di Patty Waters, "Why Is Love Such a Funny Thing?," elegante e rarefatto, così come una vena di astrazione attraversa anche il più ampio "The Miracle" dovuto alla penna di un'altra cantante a sua volta alquanto sui generis, Jeanne Lee, dove per la prima volta si sente la voce detta anziché cantata di Elaine Mitchener. Più mosso e nervoso il dittico che segue, comprendente "UpRoot," primo tema di Hawkins (su testo di Lyn Hejinian), e "If You Say So," impro quartettistica, felicemente inventiva.

Segue uno dei temi più noti di Archie Shepp, "Blasé," efficace per quanto lievemente monocorde, quindi "OM-SE Environment Music," ancora di Hawkins (testo, qui, di Emily Co), attraversato da belle dinamiche e un canto molto "drammaturgico," con un segmento centrale in piano trio decisamente tellurico. Clima sospeso in "Joy," entro le cui maglie la voce s'insinua con estrema parsimonia, e finale tritematico, con "Directives" a firma della cantante, "Walk Nikely" e "I'll Meet You There" dovuti invece al pianista (in quest'ultimo caso su testo persiano tradotto da Coleman Barks). Il clima globale torna a inspessirsi, a farsi più increspato, avventuroso, con la Mitchener che riguadagna il centro delle operazioni, a suggello di un album inventivo e mai supino.

Non è poca cosa.

Track Listing: Why Is Love Such a Funny Thing?; The Miracle / You; UpRoot; If You Say So; Blasé; OM-SE / Environment Music; Joy; Directives / Walk Nicely / I’ll Meet You There.

Personnel: Alexander Hawkins: piano; Elaine Mitchener: voice; Neil Charles: double bass; Stephen Davis: drums, percussion.

Title: UpRoot | Year Released: 2017 | Record Label: Intakt Records

Tags

comments powered by Disqus

CD/LP/Track Review
Read more articles

Related Articles

Read Drift CD/LP/Track Review
Drift
by Paul Rauch
Published: July 18, 2018
Read Journey Moments CD/LP/Track Review
Journey Moments
by Mike Jurkovic
Published: July 18, 2018
Read Moku Maluhia - Peaceful Island CD/LP/Track Review
Moku Maluhia - Peaceful Island
by Mark Sullivan
Published: July 18, 2018
Read Night Concert CD/LP/Track Review
Night Concert
by Chris Mosey
Published: July 18, 2018
Read Rumah Batu CD/LP/Track Review
Rumah Batu
by Ian Patterson
Published: July 17, 2018
Read The Bat Swings! CD/LP/Track Review
The Bat Swings!
by Jack Bowers
Published: July 17, 2018
Read "Necessary Arrangements" CD/LP/Track Review Necessary Arrangements
by C. Michael Bailey
Published: February 17, 2018
Read "The Groove Hunter" CD/LP/Track Review The Groove Hunter
by C. Andrew Hovan
Published: June 27, 2018
Read "Life On Earth" CD/LP/Track Review Life On Earth
by Dan Bilawsky
Published: May 18, 2018
Read "Wes Montgomery In Paris" CD/LP/Track Review Wes Montgomery In Paris
by Franz A. Matzner
Published: January 24, 2018
Read "Magic Circle" CD/LP/Track Review Magic Circle
by Hrayr Attarian
Published: December 12, 2017
Read "Inminente" CD/LP/Track Review Inminente
by Matt Hooke
Published: March 26, 2018