All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Forthcoming Trio: Tree Forms

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Il nucleo-base del Forthcoming Trio è composto dal pianista Tommaso Vespo e dal batterista Antonio Longo, dal cui incontro l'idea iniziale è germogliata. In una precedente edizione del gruppo, il "terzo incomodo" era il sassofonista Salvo Barbagallo, mentre in questo notevolissimo album (d'esordio, ci risulta) c'è il contrabbasso di Alessandro Vicard che, oltre a dare al trio una dimensione più classica (ma solo all'apparenza, come vedremo), arricchisce anche la musica di una firma importante, visto che tutti i temi risultano composti proprio dal bassista e da Vespo.

Si diceva della classicità dell'organico: in realtà fin dalle prime note si coglie come l'idea che informa il lavoro sia tutt'altro che incanalata su binari comodi e/o derivativi. È ovvio che, parlando di piano trio, tutto o quasi sembra ormai detto, per cui è l'ottica in cui ci si pone a fare la differenza (almeno in partenza, perché poi è alla qualità musicale in sé, alla capacità inventiva dei performer, che spetta sempre l'ultima parola). Un'ottica che, nel nostro caso specifico, elude abbastanza recisamente modelli attualmente fin troppo reclamizzati, a volte perché l'alto livello si sposa con una buona fruibilità (vedi Jarrett, a cui pure alcuni passaggi di Tree Forms qualcosa devono, o Mehldau), più spesso perché sussiste unicamente quest'ultimo fattore, dovuto magari solo (o quasi) all'intento di lisciare il pelo a un uditorio il più ampio (e spesso generico) possibile.

Nulla di tutto ciò, qui: ci sono strutture libere ma sempre entro una logica stringente, tracciati articolati, talora spigolosi, nervosi, sempre lucidissimi, doti improvvisative e strettamente strumentali (Vespo scintillante, netto e plastico, Vicard ottimo al pizzicato quanto - forse più ancora - all'archetto, Longo onnipresente quanto calibrato) tutt'altro che trascurabili, vitalità (inventiva, più che atmosferica) e imprevedibilità, astrazione e concretezza, eleganza e vigore.

Uno dei più bei dischi in piano trio ascoltati negli ultimi tempi, nonché - essendoci fino a un attimo prima ignoti i suoi artefici - di certo il più sorprendente.

Personnel

.

Album information

Title: Tree forms | Year Released: 2013 | Record Label: Improvvisatore Involontario

Post a comment about this album

Tags

More

Squirmin'
Jazz WORMS
Glowing Life
Sylvaine Hélary
All Figured Out
Derek Brown
Taftalidze Shuffle
Vlatko Stefanovski
Entendre
Nik Bartsch

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.