All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Benoit Delbecq: The Weight of Light

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Benoit Delbecq: The Weight of Light
Sperimentatore sulla tastiera e sul pentagramma, in equilibro tra il jazz e la contemporanea, il francese Benoit Delbecq è un vero maestro del pianoforte preparato, che ha più volte proposto sia entro gruppi di varie dimensioni, sia in solo, come accade in questo The Weight of Light, appena uscito per la Pyroclastic Records di Kris Davis.

L'intero lavoro è incentrato su un raffinato contrappunto di suoni, con la mano destra che descrive frammentate e mutevoli linee melodiche, mentre la sinistra accompagna percussivamente su poche note. La peculiarità è data proprio dall'essere le note basse quasi sempre alterate dalla preparazione, risultando in tal modo sorde ed esotiche, fino a evocare percussioni lignee, mentre le alte sono in prevalenza nitide, ma presentano in alcuni casi anch'esse delle "correzioni" artefatte che le inaspriscono, così da introdurre dissonanze e acidità anche nelle discorso narrative.

La struttura dei brani, tutti a tempo medio-lento e dinamicamente molto contenuti, è poi in prevalenza basata su celle ritmiche e tematiche minimali, la reiterazione e variazione delle quali dà luogo a intrecci affascinanti e ipnotici, di atmosfera più contemporanea che jazzistica. Anche gli elementi improvvisati si appoggiano a una progettazione scritta su partiture grafiche e sequenze numeriche.

L'esempio più pregnante della cifra del lavoro è forse "Family Trees," dal sapore africano, nel quale la base ritmica sulle corde basse "preparate" ricorda pienamente delle percussioni su legno cavo e procede per tutta la durata del brano (poco più di quattro minuti) sulle medesime due-tre note, qua e là accompagnata da una seconda base ritmica su note intermedie anch'esse alterate nel suono; attorno a loro una cella altrettanto minimale di note alte si sviluppa puntillisticamente in variazioni che conservano tuttavia un carattere di episodicità.

Altrove questo modello viene riproposto in varie fogge, ora alterando maggiormente anche le note alte fino a farle sembrare uno strano carillon ("Au fil de la parole"), ora accennando con esse un discorso meno frammentato e più melodico ("Chemin sur le crest," "Anamorphoses"). Solo in "Dripping Stones," che appare quasi un sipario di passaggio, e nel conclusivo "Broken World," brano storico di Delbecq già presente in altri suoi album, il piano viene suonato senza preparazione, offrendo così la possibilità di apprezzare la maestria del musicista sulla "semplice" tastiera.

Lavoro tutt'altro che "difficile," molto suggestivo nonostante pecchi un po' di ripetitività delle atmosfere, che però si apprezza pienamente dedicandogli ascolti attenti.

Album della settimana.

Track Listing

The Loop of Chicago; Dripping Stones; Family Trees; Chemin sur le crest; Au fil de la parole; Anamorphoses; Havn en Havre; Pair et impair; Broken World.

Personnel

Benoit Delbecq: piano.

Album information

Title: The Weight of Light | Year Released: 2021 | Record Label: Pyroclastic Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

Tales From The Jacquard
Julian Siegel Jazz Orchestra
Dreamer
Pamai Chirdkiatisak
Music Room 1985
Wayne Krantz
Tumaini
Berta Moreno Afro-Jazz Soul Project
Stories
Roni Ben-Hur
Prometheus
Nikol Bókóva
Thunda
Noah Preminger

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.