Home » Articoli » Album Review » Berne-Black-Cline: The Veil

Berne-Black-Cline: The Veil

By

Sign in to view read count
Berne-Black-Cline: The Veil
Fulton Street Maul (CBS, 1987) rimane tuttora uno dei lavori fondamentali della discografia di Tim Berne. Per il bruciante finale di "Icicles Revisited," affidato a Bill Frisell e Alex Cline, il sassofonista diede ai partner queste semplici indicazioni: "Fate finta di dover prendere l'aereo e di stare per perderlo". In uno stacco di una decina di secondi, di lapidaria e frenetica sintesi, i due improvvisatori riuscirono a tradurre in musica questo suggerimento verbale. Un'atmosfera e una prassi analoghe, ma molto dilatate e organicamente sviluppate, anzi rette a sistema, si verificano in molti dischi degli ultimi vent'anni. Risultano evidenti per esempio nei primi due brani di The Veil e in molti momenti dei successivi di numerazione pari: corse disperate, col cuore in gola, alla ricerca di una via d'uscita, confidando sul mutuo soccorso dei compagni.

La musica, registrata dal vivo nel luglio 2009, è totalmente improvvisata e la suddivisione e titolazione dei brani sembra fatta a posteriori su un flusso sonoro concatenato. Ne risulta un'esecuzione sempre viva, palpitante, motivata da una grande sintonia fra i tre improvvisatori, che vantano una lunga frequentazione fra loro. È soprattutto l'apporto visionario di Cline e Black, di una concretezza e un impatto ineludibili, a conferire un impianto strutturale a questa musica; la complessità ed il volume sonoro da loro prodotti sono tali che sembrano generati da due chitarristi e due batteristi. Sul sottofondo consistente e sfrangiato da loro creato, Tim Berne s'inserisce con accenti di grande varietà melodica e timbrica, con un fraseggio ora scandito e arcigno, ora più disteso e lirico.

Il percorso è molto movimentato. In alcuni passaggi di "Railroaded" e dell'inizio di "The Barbarella Syndrome," le cadenze ben marcate possono ricordare le metriche tipiche della musica di Steve Coleman (non si dica dell'estetica M-Base, perché l'M-Base ha rappresentato un atteggiamento mentale, tutto fuorché uno stile musicale, secondo quanto sostiene lo stesso Coleman... e se lo dice lui!).

All'inizio di "Rescue Her" Berne e soprattutto Cline mimano la sonorità delle cornamuse, mentre i brani dispari dal terzo in poi introducono momenti di sosta, di meditativa e problematica elucubrazione. In "Momento" le lunghe note rumoristiche si sovrappongono creando un tessuto livido e sfatto. Una situazione simile si ricrea in "The Dawn of the Lawn," ma su un registro più acuto e lancinante, e in "The Veil," sia pure con evoluzioni più mosse e imprevedibili.

Nel conclusivo "Tiny Moment (Part 2)" si concatenano temi, passaggi e sviluppi che sembrano ricapitolare i brani precedenti e quindi le intenzioni, gli umori, le invenzioni che un trio così affiatato e vulcanico è in grado di esprimere.

Track Listing

Railroaded; Impairment Posse; Momento; The Barbarella Syndrome; The Dawn of the Lawn; Rescue Her; The Veil; Tiny Moment (part 1); Tiny Moment (part 2).

Personnel

Tim Berne
saxophone, alto

Tim Berne: alto saxophone; Jim Black: drums, laptop; Nels Cline: guitar, effects.

Album information

Title: The Veil | Year Released: 2011 | Record Label: Cryptogramophone


Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Hills & Valleys
Superlocrian
Stick Together
Behn Gillece
Circles
Friends & Neighbors
Unknown Rivers
Luke Stewart Silt Trio

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.