All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Jason Rigby: The Sage

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Jason Rigby: The Sage
Dopo le ottime accoglienze avute nel suo esordio da leader (Translucent Space, Fresh Sound), il sassofonista newyorchese conferma d'avere idee chiare e buon talento per organizzarle.

The Sage t'avvolge con un'ondata di suoni familiari, fondendo le atmosfere davisiane di fine anni sessanta (Shorter e Hancock soprattutto) con la libertà melodica e armonica di Ornette. Il tutto riformulato alla luce della contemporaneità (con una tensione ritmica nuova dovuta al notevole connubio tra Cameron Brown e Gerald Cleaver) e condotto con equilibrio e freschezza: la relazione tra le parti scritte, quelle liberamente improvvisate e gli interventi dei singoli si snoda in modo logico ed efficace.

Una musica densa, dunque, che alterna climi cantabili a situazioni d'accesa impronta free ed anche se non offre nulla di particolarmente nuovo (un altro riferimento è Dave Douglas) mostra d'avere buoni margini di inventiva.

Nato a Cleveland ma attivo a New York, Jason Rigby è un sassofonista di valore, dalla chiara impronta shorteriana (soprattutto al soprano) ed ha organizzato con intelligenza un quintetto con alcuni dei partner già presenti nel disco d'esordio e bilanciando la presenza di veterani come Brown e Cleaver con alcuni dei migliori trenta/quarantenni operanti sulla scena newyorchese. Russ Johnson è un trombettista dal fraseggio appassionato e convulso, leader di gruppi documentati su etichetta OmniTone e Knitting Factory; Mike Holober un pianista e tastierista che lavora spesso con John Patitucci e dirige la Gotham Jazz Orchestra su percorsi non lontani da quelli di Maria Schneider.

I primi due brani, "Magenta" e "Crux" sembrano venire direttamente degli anni sessanta, da uno dei gruppi Blue Note operanti a cavallo tra hardbop avanzato e free. L'unica novità sta nell'utilizzo del fender rhodes che rimanda invece agli esperimenti elettrici del secondo quintetto davisiano. Un innesto promettente (anche grazie alla maestria di Holober) che nei temi successivi trova una sintesi più efficace. Il lirico "Shift of Color," con Rigby al flauto, è un piccolo gioiello di grazia e delicatezza; "Tone Poem" sembra operare sulla stessa lunghezza d'onda ma è strutturalmente più libero, nella sua connotazione shorteriana.

I brani più riusciti del disco sono l'articolato "The Sage" e il davisiano "The Archer," dove il clima è avvincente e ricco di tensione. Avremmo preferito un maggiore sforzo di fantasia ma Rigby e il suo gruppo hanno tempo e carte in regola per farlo.

Track Listing

Magenta; Crux; Shift of Color; The Sage; Tone Poem; Slip; The Archer; Jealous Moon.

Personnel

Jason Rigby: tenor and soprano saxophones, flute; Russ Johnson: trumpet; Mike Holober: Fender Rhodes; Cameron Brown: bass; Gerald Cleaver: drums.

Album information

Title: The Sage | Year Released: 2009 | Record Label: Fresh Sound New Talent

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read ALQE
ALQE
Antti Lotjonen Quintet East
Read Apura!
Apura!
Karl Evangelista
Read McModal
McModal
Markos Chaidemenos

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.