All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Rich Halley: Terra Incognita

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Rich Halley: Terra Incognita
Ultimo di una lunga serie, quest'album di Rich Halley vede il settantatreenne tenorsassofonista di Portland affiancato da quello che, in buona sostanza, è il trio del pianista Matthew Shipp, con Michael Bisio al contrabbasso e Newman Taylor Baker alla batteria. Formazione dunque di grande prestigio e affiatatissima, la quale si mette alla prova su sei improvvisazioni, per metà anche molto lunghe ("The Journey," raggiunge i diciassette minuti).

La musica è di grande libertà, condotta in interazione dialogica e fondamentalmente priva di strutture stabili; ovunque dotata di fortissima intensità sia dinamica che espressiva, vede in genere il trio costruire un tappeto di suoni fittamente intrecciati, sui quali il tenore del leader si produce in un discorso continuo, con fraseggi ampi e potenti che ricordano a momenti Coltrane, ma ancor più direttamente la scuola degli anni Settanta, in particolare Archie Shepp. È quel che accade in particolare nell'iniziale "Opening" e nella conclusiva "The Journey," ma anche nella title track, a metà della quale — sostenuto dalla forza propulsiva della batteria e del pianoforte — Halley si spinge in un assolo compulsivo e parossistico, di grande impatto emotivo.

Altrove non mancano momenti più soffusi e lirici, come in "The Elms," l'episodio più breve dell'album, nel quale il sax contiene la sua esuberanza dialogando con il pianoforte, cosa che permette di apprezzare meglio anche il contrabbasso di Bisio, altrove soffocato dalla potenza del sound, se non per alcuni momenti in assolo (per esempio in "Terra Incognita").

Un lavoro ben delineato nei suoi modelli di riferimento storico-artistici, per questo forse non particolarmente sorprendente, ma che ha egualmente molte cose da dire dal punto di vista dell'espressività individuale, eccellentemente fruibile pur nella sua ampia libertà ed eccellentemente eseguito.

Track Listing

The Opening; Forager; Centripetal; The Elms; Terra Incognita; The Journey.

Personnel

Rich Halley: saxophone, tenor.

Rich Halley: tenor sax; Matthew Shipp: piano; Michael Bisio: bass; Newman Taylor Baker: drums.

Album information

Title: Terra Incognita | Year Released: 2019 | Record Label: Pine Eagle Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Prism
Prism
Conference Call
Read Conspiracy
Conspiracy
Terje Rypdal
Read Freya
Freya
Tineke Postma
Read Unearth
Unearth
New Hermitage
Read Deep Resonance
Deep Resonance
Ivo Perelman
Read Sun Trance
Sun Trance
Markus Reuter
Read Lies
Lies
Clemens Kuratle Murmullo

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.