Learn How

We need your help in 2018

Support All About Jazz All About Jazz is looking for 1,000 backers to help fund our 2018 projects that directly support jazz. You can make this happen by purchasing ad space or by making a donation to our fund drive. In addition to completing every project (listed here), we'll also hide all Google ads and present exclusive content for a full year!

1

Massimo De Mattia - Bruno Cesselli: Teatro Arrigoni - Concert Jazz Band

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Produzione originale 2013 del meritorio festival S. Vito Jazz (clicca qui per leggere la rencensione del concerto di Claudio Cojaniz all'ultima edizione della rassegna), questo lavoro della premiata ditta Massimo De Mattia - Bruno Cesselli & Massimo De Mattia - Bruno Cesselli, intitolato alla deliziosa sede del festival stesso—il settecentesco Teatro Arrigoni recuperato all'uso sociale solo nel 2006—, presenta innumerevoli elementi di interesse, non solo strettamente musicali.

Anzitutto nasce aggregando un largo ensemble—cosa oggi abbastanza in disuso per ovvie ma non per questo meno deprecabili ragioni economiche —composto da giovani e valenti leve del jazz locale. Lo fa inoltre mettendo a frutto le modeste—ma evidentemente sufficienti—risorse di una rassegna apprezzata in loco e non solo, invece che impegnarle per portarvi qualche acclamato più esotico big. Ancora, lo fa recuperando lo spirito dell'attività sociale che era un tempo all'origine degli spettacoli, oggi invece soggetti a un business che ne appiattisce la creatività. Inoltre, lo fa omaggiando esplicitamente momenti importanti della cultura locale e non, visto che i titoli rimandano a storie di vita sociale narrate da importanti intellettuali quali Pasolini ("Il sogno di una cosa") e Carlo Ginzburg ("Il formaggio e i vermi"), alle vite esemplari raccolte da Eric Hobsbawm ("Uncommon People"), perfino a episodi socialmente rivoluzionari come quello che, proprio in Friuli, vide per protagonista Franco Basaglia ("La follia è una cosa seria"), il tutto con il titolo del primo brano come motto programmatico: "Pensieri forti."

Tutto questo, si badi bene, è lungi dall'essere una bella copertina ideologica posta a coprire i limiti del contenuto, perché la musica—che è poi quanto qui più ci interessa—non viene minimamente a patti intellettualmente dubbi con la qualità: che non solo è alta ma è anche volutamente spinta verso la ricerca—in equilibrio costantemente cangiante tra scrittura e improvvisazione—, la complessità, il rigore. Cosa che, conoscendo i registi dell'operazione, non era forse da mettere in dubbio, ma che l'ascolto conferma senza ombre.

La lunga prima traccia programmatica ne è già emblema: tredici minuti di racconto drammaturgicamente complesso e tormentato, con continue variazioni di atmosfera, un andamento ritmico da big band che apre spazi per assoli di forte tensione—su tutti quello di De Mattia, al centro del brano—ma anche per improvvisazioni collettive che richiamano la musica degli anni Settanta, la lezione di Julius Hemphill, le più recenti interpretazioni di organici ampi che vengono dalle avanguardie europee e statunitensi.

La cifra dell'album si mantiene poi su questo registro, con punte di eccellenza ne "Il formaggio e i vermi"—per più di metà una improvvisazione collettiva tanto ardita, quanto leggibile e godibile—e in "La follia è una cosa seria"—nel quale lo sghembo tema tanguero rotto da assoli espressivi di Orefice, Cisillino e Turchet, illustra in modo geniale il tema a cui è ispirato.

Track Listing: Pensieri forti; Il formaggio e i vermi; Il sogno di una cosa; Uncommon People; La follia è una cosa seria; Pensieri forti - reprise; Il formaggio e i vermi - reprise.

Personnel: Massimo De Mattia: flauti; Bruno Cesselli: pianoforte; Mirko Cisillino: tromba; Filippo Orefice: sax tenore; Filippo Vignato: trombone; Francesco Socal: clarinetti; Luigi Vitale: vibrafono, marinba; Alessandro Turchet: contrabbasso; Alessandro Mansutti: batteria.

Title: Teatro Arrigoni - Concert Jazz Band | Year Released: 2014 | Record Label: Artesuono


Tags

comments powered by Disqus

More Articles

Read Rain or Shine CD/LP/Track Review Rain or Shine
by Jack Bowers
Published: December 15, 2017
Read Copenhagen Live 1964 CD/LP/Track Review Copenhagen Live 1964
by John Sharpe
Published: December 15, 2017
Read Somewhere Glimmer CD/LP/Track Review Somewhere Glimmer
by Glenn Astarita
Published: December 15, 2017
Read Lighthouse CD/LP/Track Review Lighthouse
by Mark Sullivan
Published: December 15, 2017
Read Lattice CD/LP/Track Review Lattice
by John Sharpe
Published: December 14, 2017
Read I Think I’m Going To Eat Dessert CD/LP/Track Review I Think I’m Going To Eat Dessert
by Mark Corroto
Published: December 14, 2017
Read "Quinsin Nachoff's Ethereal Trio" CD/LP/Track Review Quinsin Nachoff's Ethereal Trio
by Roger Farbey
Published: May 17, 2017
Read "Kami Fusen" CD/LP/Track Review Kami Fusen
by Glenn Astarita
Published: May 23, 2017
Read "Swinging In The Holidays" CD/LP/Track Review Swinging In The Holidays
by Dan Bilawsky
Published: December 11, 2017
Read "Mal Sirine" CD/LP/Track Review Mal Sirine
by Roger Farbey
Published: September 16, 2017
Read "Piano Song" CD/LP/Track Review Piano Song
by Karl Ackermann
Published: January 9, 2017
Read "Moonlight Vision" CD/LP/Track Review Moonlight Vision
by Chris M. Slawecki
Published: August 28, 2017

Support All About Jazz's Future

We need your help and we have a deal. Contribute $20 and we'll hide the six Google ads that appear on every page for a full year!