All About Jazz

Home » Articoli » CD/LP/Track Review

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Michela Lombardi & Piero Frassi Trio: Solitary Moon - Inside the Music of Johnny Mandel

Niccolò Lucarelli By

Sign in to view read count
Michela Lombardi è raffinata interprete jazz di musica d'autore, e con la sua ultima fatica musicale non smentisce la sua statura artistica. Solitary Moon. Inside the Music of Johnny Mandel è un omaggio a una figura poliedrica, che dopo una carriera di musicista e compositore jazz tra la fine degli anni Quaranta e la fine degli anni Cinquanta, approdò nel mondo del cinema, dove ha raccontato in musica l'America del Novecento, firmando le colonne sonore delle pellicole di molti film di successo, diretti, fra gli altri, da Robert Altman, Sidney Lumet, Vincent Minnelli.

Solitary Moon ne ripercorre i passi attraverso una formazione base che, per gli strumenti impiegati, è la quintessenza del jazz, con Piero Frassi al pianoforte, Gabriele Evangelista al contrabbasso e Andrea Melani alla batteria, cui si aggiunge in alcuni brani il sax di Emanuele Cisi. Su questo soffice tappeto sonoro, s'incastona come una perla la delicata voce di Michela Lombardi, che nella sua interpretazione della vecchia Hollywood lascia pensare alla sensuale Anna Quentin immaginata da Iris Murdoch.

Un sommesso bebop, a tratti più soffuso, a tratti venato di swing, è il fil rouge sonoro di un album vivace, caratterizzato da un interplay serrato, in cui gli strumenti sono in costante dialogo e reciproco affiancamento; i temi di Mandel vengono garbatamente arricchiti da una nota di femminilità e da arrangiamenti la cui sobrietà riecheggia le atmosfere originali, fatte di romanticismo, solitaria intimità, e sommessa sensualità, irrobustita dal timbro vocale di Michela Lombardi.

"A Time for Love" è romantica e pensosa, la più lunare dell'intero album, e sulla sommessa base ritmica spiccano i passaggi di Cisi al sax, costruiti su toni ora acuti ora fievoli, metafora di un innamoramento timido ma tenace. "Solitary Moon," il brano eponimo dell'album, incede con suadente lentezza, e la voce di Michela Lombardi è una setosa carezza per l'ascoltatore. Il pianoforte di Frassi si sfrangia in note che cadono come gocce di rugiada lungo lo spettro sonoro, mentre Melani alla batteria accarezza appena le percussioni. Calda e speziata "Cinnamon and Clove," è la sorpresa dell'album, caratterizzata da un ritmo latineggiante sostenuto dalle percussioni, su cui s'incastra un pianoforte che riecheggia l'honky tonk. "The Shadow of Your Smile," scritta per il film "Castelli di sabbia," e per la quale Mandel fu insignito del Premio Oscar per la miglior canzone nel 1965, chiude l'abum con un ammiccante ritmo cadenzato sostenuto dal contrabbasso e impreziosito dagli interventi del sax.

Con i suoi dodici brani, Solitary Moon dipinge i luminosi scenari dei night club di New York o di Los Angeles, così come i saloni degli alberghi di lusso frequentati dal jet set, sfondi ideali per storie d'amore e relazioni clandestine che costituirono i sogni proibiti di molti americani. Ma traccia anche il lato sentimentale dell'America borghese della middle-class. E poco importa se quest'America è esistita soltanto in parte, e sotto un velo d'ipocrisia ha nascosto quelle problematiche indagate invece, fra gli altri, da Tennessee Williams. In fondo, il quadro non è stato tutto nero, e l'industria dei sogni di Hollywood ha comunque contribuito a creare, nel bene e nel male, il mito dell'American Dream.

Track Listing: Close Enough for Love; A Time for Love; Cinnamon and Clove; Little Did I dream; I never Told You; The Shining Sea; Where Do You Start? Solitary Moon; I Won't Believe My Eyes; Don't Look Back/Every Day Is a New Day; Unless It's You; The Shadow of Your Smile.

Personnel: Michela Lombardi: vocals; Piero Frassi: piano; Gabriele Evangelista: bass; Andrea Melani: drums; Emanuele Cisi: sax.

Title: Solitary Moon - Inside the Music of Johnny Mandel | Year Released: 2017 | Record Label: Philology Jazz Records

Tags

comments powered by Disqus

Related Articles

Read Uplift The People CD/LP/Track Review
Uplift The People
by John Sharpe
Published: August 21, 2018
Read A New Shade Of Blue CD/LP/Track Review
A New Shade Of Blue
by Chris May
Published: August 21, 2018
Read Rabbits on the Run CD/LP/Track Review
Rabbits on the Run
by Glenn Astarita
Published: August 21, 2018
Read Imaginary Numbers CD/LP/Track Review
Imaginary Numbers
by John Sharpe
Published: August 21, 2018
Read Point Blank CD/LP/Track Review
Point Blank
by Chris May
Published: August 20, 2018
Read Tell Me The Truth CD/LP/Track Review
Tell Me The Truth
by C. Michael Bailey
Published: August 20, 2018
Read "Metamorphoses" CD/LP/Track Review Metamorphoses
by Ian Patterson
Published: June 13, 2018
Read "IMA IMA" CD/LP/Track Review IMA IMA
by Dan Bilawsky
Published: June 18, 2018
Read "Descansado - Songs For Films" CD/LP/Track Review Descansado - Songs For Films
by John Ephland
Published: April 19, 2018
Read "Phrases" CD/LP/Track Review Phrases
by C. Michael Bailey
Published: January 12, 2018
Read "Cheek to Cheek" CD/LP/Track Review Cheek to Cheek
by Dan McClenaghan
Published: May 5, 2018
Read "UpRoot" CD/LP/Track Review UpRoot
by David Rocheleau-Houle
Published: December 29, 2017