All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Noam Wiesenberg: Roads Diverge

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Noam Wiesenberg: Roads Diverge
Il giovane contrabbassista israeliano Noam Wiesenberg, ormai da dieci anni residente negli States, giunge qui al suo esordio da leader e lo fa con un album di composizioni originali (con la sola eccezione del brano di chiusura), alla testa di un classico quintetto al centro del quale spicca il pianista Shai Maestro, un connazionale che ha prima di lui effettuato lo stesso percorso.

La cifra del disco è un classico jazz moderno, molto ritmico e dinamico, relativamente poco melodico, con le due belle eccezioni per solo contrabbasso: l'introduzione e la conclusiva "The Tourist," cover dei Radiohead eseguita con sovraincisioni e con l'uso dell'archetto.

Nei rimanenti sette brani il lavoro vive dell'apporto dei singoli e dell'intreccio timbrico delle loro voci. Riguardo ai primi, si fanno decisamente apprezzare sia il giovane sassofonista Immanuel Wilkins, che al contralto esibisce un suono tagliente e un modernissimo fraseggio secco e zigzagante, sia il trombettista Philip Dizack, aggressivo e pronto ad avventurarsi in assoli estremamente dinamici. Le loro qualità improvvisative emergono particolarmente nella veloce e intensa "Resfeber," nella più lenta "Shir Le'Shir" e nella title track, che si avvale anche dell'ottimo lavoro del batterista Kush Abadey e della presenza aggiuntiva del sassofonista tenore Dayna Stephens. Costante invece, anche se spesso oscuro, il lavoro di Maestro, che si percepisce spesso operare in modo tutt'altro che banale sotto le linee dei fiati e che—a parte qualche assolo, come quello bluesy in "Davka"—si prende maggiormente la scena in "Melody for Ido," ove passa al Fender Rhodes, interpretandolo in modo decisamente personale.

Buona la prima, quindi, per il giovane contrabbassista, grazie a un lavoro convenzionale ma accurato, gustoso all'ascolto e ricco di momenti coinvolgenti e d'impatto.

Track Listing

Prelude; Resfeber; Shir Le'Shir; Where Do We Go from Here; Roads Diverge; Capricorn Lady; Davka; Melody for Ido; The Tourist.

Personnel

Noam Wiesenberg: bass; Philip Dizack: trumpet; Shai Maestro: piano, Fender Rhodes; Dayna Stephens: tenor sax; Immanuel Wilkins: alto sax & clarinet; Kush Abadey: drums.

Album information

Title: Roads Diverge | Year Released: 2018 | Record Label: Brooklyn Jazz Underground Records

Post a comment about this album

Watch

Tags

Shop Amazon

More

In Space
The Luvmenauts
Afrika Love
Alchemy Sound Project
Sunday At De Ruimte
Marta Warelis / Frank Rosaly / Aaron Lumley /...
Westward Bound!
Harold Land
Tread Lightly
Trøen Arnesen Quartet
MMBC Terma
Michael Bisio / MMBC

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.