1

Francesco Chiapperini Extemporary Vision Ensemble: Our Redemption

Neri Pollastri By

Sign in to view read count
Francesco Chiapperini Extemporary Vision Ensemble: Our Redemption Di origini pugliesi ma da tempo residente a Milano, Francesco Chiapperini è un clarinettista, sassofonista e flautista che si è messo in luce nelle formazioni di Daniele Cavallanti e, recentemente, nel quartetto No Pair (clicca qui per leggere la recensione dell'album Chaos and Order).

In Our Redemption lo troviamo alla guida di un ensemble di nove elementi, giovani e non notissimi ma tutti estremamente preparati, e registra live un omaggio a Massimo Urbani.

Il lavoro è ben poco agiografico, non presentando alcuna diretta citazione dell'opera di Urbani e muovendosi alla fin fine—tranne forse una lunga e torrenziale improvvisazione di Chiapperini nella prima parte di "Remembering Max" -anche su un registro stilistico piuttosto diverso da quello del compianto sassofonista romano, la cifra essendo piuttosto una sintesi tra la tradizione della New Thing, che Chiapperini ha assorbito dal suo maestro Cavallanti, e quella più recente della scuola chicagoana.

Se la prima plasma l'essenza stessa del lavoro, che vede nella musica una sacralità laica la cui ritualità conduce a una forma di redenzione, la seconda emerge in tutta evidenza nelle prime due lunghe tracce, ove scrittura e improvvisazione si intrecciano virtuosamente in un lucido magma sonoro e alcuni solisti echeggiano i maestri d'oltreoceano—in particolare, il soprano di Gianluca Elia quello di Roscoe Mitchell.

Notevole anche l'alternarsi di coralità e individualità (tutte peraltro meritevoli di elogio), così come l'uso delle diverse timbriche per sviluppare un discorso drammaturgico che non è linearmente collegato ai temi.

Album notevolissimo, fresco ma complesso, coinvolgente ma imprevedibile, ennesimo segno della strabordante vitalità del nostro jazz—quello che, poi, però non suona nei festival...

Track Listing: Unconventional Lines; Remembering Max; Barbarian Growls; Ascending Down the Hell; No One Have to Forget; Invisible Spirit.

Personnel: rancesco Chiapperini: sax contralto, flauto; Andrea Jimmy Catagnoli: sax contralto; Gianluca Elia: sax soprano e tenore; Eloisa Manera: violino; Simone Quatrana: pianoforte; Luca Pissavini: violoncello; Marco Rottoli: contrabbasso; Filippo Sala: Batteria; Filippo Monico: batteria e percussioni.

Year Released: 2015 | Record Label: Rudi Records


Related Video

comments powered by Disqus

Shop

More Articles

Read This Is Beautiful Because We Are Beautiful People CD/LP/Track Review This Is Beautiful Because We Are Beautiful People
by Matthew Aquiline
Published: May 29, 2017
Read Nigerian Spirit CD/LP/Track Review Nigerian Spirit
by James Nadal
Published: May 29, 2017
Read The Colours Suite CD/LP/Track Review The Colours Suite
by Glenn Astarita
Published: May 29, 2017
Read Les Liasons Dangereuses 1960 CD/LP/Track Review Les Liasons Dangereuses 1960
by Mark Corroto
Published: May 29, 2017
Read Chapter Five CD/LP/Track Review Chapter Five
by Jack Bowers
Published: May 28, 2017
Read The Hive CD/LP/Track Review The Hive
by Edward Blanco
Published: May 28, 2017
Read "Layers" CD/LP/Track Review Layers
by Mark Sullivan
Published: November 1, 2016
Read "Vit" CD/LP/Track Review Vit
by Mark Sullivan
Published: February 7, 2017
Read "Touch My Beloved's Thought" CD/LP/Track Review Touch My Beloved's Thought
by Mark Corroto
Published: July 7, 2016
Read "Miles Smiles" CD/LP/Track Review Miles Smiles
by Nenad Georgievski
Published: July 2, 2016
Read "Choice" CD/LP/Track Review Choice
by Karl Ackermann
Published: June 9, 2016
Read "Vocturnal" CD/LP/Track Review Vocturnal
by Budd Kopman
Published: June 16, 2016

Why wait?

Support All About Jazz and we'll deliver exclusive content, hide ads, hide slide-outs, and provide read access to our future articles.

Buy it!