All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

0

Frank Wess Nonet: Once Is Not Enough

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Frank Wess Nonet: Once Is Not Enough
L'anno scorso, alla bell'età di 86 anni, il flautista e sassofonista Frank Wess ha formato un nonetto con alcuni partner di prima grandezza (Steve Turre, Ted Nash, Gerald Clayton, Peter Washington, Rufus Reid, Winard Harper, tanto per citare i più noti) per una scrittura settimanale al Dizzy's Club Coca Cola a New York City.

Il successo è stato enorme e il 10 giugno dello stesso anno la formazione ha inciso quest'album, prodotto dallo stesso Wess.

Il risultato è un aristocratico esempio di modern mainstream orchestrale, basato su sei composizioni originali del leader (più tre noti standard) arrangiate da Dennis Mackrel.

Lo stile complessivo è vicino allo spirito di Count Basie: lo swing è contagioso, gli assoli sono ricchi di groove e le orchestrazioni (concepite come combinazioni di sezioni) appaiono magari un po' convenzionali ma cosa chiedere a un signore della sua età, se non di rievocare i fasti musicali della sua generazione?

Per chi non lo conosce, Frank Wess resta uno dei migliori flautisti della scena internazionale. La sua stagione più fulgida andò dal 1953 al 1964 quando fu una colonna dell'orchestra di Count Basie e con Frank Foster formò una delle coppie sassofonistiche più in vista degli anni cinquanta. Scomparso Basie, Frank Wess prese la direzione dell'orchestra dalla metà degli anni ottanta ai primi Novanta, riunendo grandi veterani come Harry "Sweets" Edison, Joe Newman, Snooky Young, Al Grey, Benny Powell, Marshall Royal e Billy Mitchell. Nel 2007 Wess ha ricevuto l'American Jazz Masters Fellowship award dal National Endowment For The Arts.

Il disco si ascolta con piacere anche per gli interventi dei grandi solisti in gioco. Frank Wess è ben in evidenza al tenore nelle due ballad "Dementia, My Darling" e "Lush Life" dove evidenzia al meglio le sue radici websteriane nel sound ricco di sfumature e nell'eloquio cantabile.

Il trombone di Steve Turre è ben visibile nel blues "Sara's Song". Per gli amanti del flauto jazz "Sweet and Lovely" è una piccola gemma con tre flautisti in relazione reciproca (Wess, Ted Nash e Scott Robinson). Il contralto di Ted Nash e il piano di Gerald Clayton animano la serrata "Backfire," dal sapore un po' californiano.

Track Listing

Once Is Not Enough; Sara's Song; You Made a Good Move; Dementia, My Darling; Sweet and Lovely; Backfire; Lush Life; Fly Me to the Moon (In Other Words); Tryin' to Make My Blues Turn Green.

Personnel

Frank Wess: tenor saxophone, flute; Frank Greene: trumpet; Terell Stafford: trumpet; Steve Turre: trombone; Ted Nash: alto saxophone, flute; Scott Robinson: bass saxophone, baritone saxophone, flute; Gerald Clayton: piano; Michael Weiss: piano (4, 7); Peter Washington: bass; Rufus Reid: bass (4, 7); Winard Harper: drums.

Album information

Title: Once Is Not Enough | Year Released: 2009 | Record Label: Labeth Music

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.