All About Jazz

Home » Articoli » Live Reviews

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Mulatu Astatke al JazzMi di Milano

Luca Muchetti By

Sign in to view read count
Mulatu Astatke
JazzMi
Alcatraz
Milano
5.11.2017

Primo africano a frequentare la Berklee e a suonare con Duke Ellington, la leggenda dell'etno-jazz etiope Mulatu Astatke era uno dei nomi più attesi del festival JazzMi. La rassegna che da oltre una settimana (e fino al 12 novembre) sta portando alcuni degli artisti più interessanti del jazz planetario su piccoli e grandi palchi di Milano ha puntato su un locale fra i più noti al grande pubblico per un concerto ampiamente ripagato in termini di presenze (fra le quali anche una visibile componente della comunità etiope milanese).

Al centro del palco, come un cerimoniere al vibrafono e circondato da un gruppo di musicisti pronti a cogliere con naturalezza i minimi cenni di intesa, Astatke dirà poche parole con voce talmente bassa da risultare ai più quasi comprensibile. Preferirà trascinare i presenti in un flusso di due ore sospese in bilico fra le correnti musicali di Europa, Africa e America.

L'introduzione strumentale, fra turbini di contrabbasso e un sax che svisa e si impenna, si getta in "Tsome Digua," brano registrato per l'album Assiyo Bellema, dalla metà degli anni Novanta. Un disco che fra l'altro proprio a metà serata farà da riferimento anche per un altro pezzo in scaletta: "Chic-Chic-Ca." Le note di vibrafono cadono dall'alto mentre il resto dell'ensemble passa rapidamente dalla discrezione di un misurato background a una esuberanza giocosa, capace di sommergere quasi del tutto lo strumento a percussione di Astatke.

Il tempo non passa sulle cose: per rendersene conto basteranno due soli brani in scaletta per ricreare il clima sonoro di quell'ethio-jazz che alla metà degli anni Settanta scrisse uno dei capitoli più esaltanti della storia della contaminazione fra musica tradizionale africana e musiche dei vecchi e nuovi mondi (con la vecchia New Orleans come tappa obbligatoria). L'ethio-jazz di Mulatu non invecchia, guadagna semmai fascino e contemporaneità, posizionandosi fra i classici che hanno ridefinto le geografie della musica e che -oggi -a molti anni di distanza, in Europa sono in grado di richiamare un pubblico trasversale e molto composito, come conferma la platea di Milano.

"Dewel" e "Yakermew Sew," fra i passaggi più celebri del repertorio, appaiono già nei primi minuti di serata. Si lascia ampio spazio all'improvvisazione, dove spicca in particolare l'irruenza cinetica del violoncello, e un pianoforte dialogante col resto della formazione. Il nastro del tempo si riavvolge e torna al passato più recente di "Netsanett" e "Azmari." Chiudono la carrellata una accorata "Motherland" (dove si intravedono senza fatica tutti i panorami attraversati dalla vita e dalla musica di Mulatu), "Way to Nice" e una strepitosa "Yegelle Tezeta," il brano che conquistò Jim Jarmusch spingendo il regista a includere la composizione nella colonna sonora del film "Broken Flowers."

Il concerto si chiude con Mulatu prima da solo al pianoforte poi raggiunto dalla band per un ultimo giro, mentre qualcuno dal pubblico, ballando, agita la bandiera etiope. Dal palco Astatke sembra apprezzare, e indica i volti assiepati nel locale. Quasi un segnale per gli ultimi che avessero ancora dubbi sul fatto che il segreto di tutta questa musica vive, e vivrà sempre, nello scambio di culture.

Tags

comments powered by Disqus

Mulatu

Mulatu

Mulatu Astatke
Ethio Jazz Vol. 1

Live Reviews
CD/LP/Track Review
DVD/Film Reviews
CD/LP/Track Review
Read more articles

Related Articles

Read The Jane Getter Premonition at Iridium Live Reviews
The Jane Getter Premonition at Iridium
by Roger Weisman
Published: April 24, 2018
Read Liberty Ellman Trio at Crescent Arts Centre Live Reviews
Liberty Ellman Trio at Crescent Arts Centre
by Ian Patterson
Published: April 22, 2018
Read Tallinn Music Week 2018 Live Reviews
Tallinn Music Week 2018
by Henning Bolte
Published: April 19, 2018
Read James Blood Ulmer and the Thing at Bochum Art Museum Live Reviews
James Blood Ulmer and the Thing at Bochum Art Museum
by Phillip Woolever
Published: April 17, 2018
Read Jocelyn Medina at Jazz at Kitano Live Reviews
Jocelyn Medina at Jazz at Kitano
by Tyran Grillo
Published: April 16, 2018
Read Marbin at The Firmament Live Reviews
Marbin at The Firmament
by Mark Sullivan
Published: April 15, 2018
Read "GoGo Penguin at Out To Lunch" Live Reviews GoGo Penguin at Out To Lunch
by Ian Patterson
Published: January 25, 2018
Read "Bob Niederriter Trio At The Bop Stop" Live Reviews Bob Niederriter Trio At The Bop Stop
by C. Andrew Hovan
Published: October 9, 2017
Read "Bryan Ferry at the Paramount Theater" Live Reviews Bryan Ferry at the Paramount Theater
by Geoff Anderson
Published: August 19, 2017
Read "Festival International de Jazz de Montreal 2017" Live Reviews Festival International de Jazz de Montreal 2017
by John Kelman
Published: July 7, 2017
Read "Pharoah Sanders at SFJAZZ" Live Reviews Pharoah Sanders at SFJAZZ
by Harry S. Pariser
Published: October 5, 2017