All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Mahanada: Mannahatta

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Mahanada: Mannahatta
Autori di due ottimi album nei quali legavano molto originalmente musica etnica e improvvisazione radicale (leggi le recensioni di Uno e di Taranta's Circle) i Mahanada si sono recati due anni orsono negli Stati Uniti per una breve ma intensa tournée (nove giorni, sette concerti), conclusasi con una registrazione, realizzata a New York sotto la forte impressione destata della città.

Il risultato è in questo disco, che gioca con il fatto che il nome aborigeno di Manhattan è "Mannahatta," che si intreccia imprevedibilmente con il nome della formazione, e si basa su un altrettanto imprevedibile intreccio di materiali scritti e improvvisazione, alla ricerca di una personale interpretazione della città americana.

Per chi conosce Mahanada, si tratta di uno sviluppo tanto coerente, quanto innovativo della loro poetica. Qui l'improvvisazione radicale che pervade sempre i loro lavori (e anche quelli di alcuni dei suoi componenti, come si coglie ascoltando l'ultimo lavoro di Carmelo Coglitore con il trio Webindra) si stacca dalle ispirazioni etniche solo apparentemente, perché in realtà è l'"etnicità metropolitana" a venire alla luce in una forma del tutto diversa da quella messa in gioco da chi di New York è originario, o vi vive usualmente.

Quella di Mahanada è una lettura altra, quella dell'etnologo, che osserva (in questo caso è forse meglio dire ascolta) la città, la interpreta con gli strumenti della non assuefazione, la restituisce in forme diverse e inaudite.

È un disco complesso, questo Mannahatta, fatto di suoni e mormorii, di introspezioni talvolta persino inquietanti; ma è un disco originale, molto, come lo sono sempre i lavori di questi ottimi musicisti. Forse più apprezzati negli States che da noi. Come spesso succede a chi ha qualità, in Italia.

Track Listing

1. Something Specific And Perfect For My City - 3:58; 2. The Aboriginal Name - 2:29; 3. A Word, Liquid, Sane, Unruly - 4:12; 4. Musical, Sel-Sufficient - 6:34; 5. The Word Of My City - 6:10; 6. The Down-Town Streets - 3:49; 7. Immigrant Arrivino - 4:35; 8. Vehicles - 2:52; 9. Broadway - 4:08; 10. The Women, the Shops and the Shows - 3:29; 11. A Million People - 6:18; 12. City of Hurried And Sparkling Waters - 4:29; 13. City Of Spires and Masts - 3:28; 14. City Nested In Bays - 4:05; 15. My City! - 5:19. Tutte le composizioni sono di Mahanada

Personnel

Luciano Troja (pianoforte), Giancarlo Mazzù (chitarra preparata, voce), Carmelo Coglitore (sax soprano, clarinetto basso, batteria), Carlo Nicita (flauto alto).

Album information

Title: Mannahatta | Year Released: 2008 | Record Label: Splasc(H) Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Northwestern Songs
Arne Torvik
I Am Not A Virus
Jordan VanHemert
Braids
Sam Rivers
A Congregation of Folks
Daniele Germani
Push The Limits
Ben Patterson
Old Friends
Mark Winkler

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.