All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

BoZiLo: Live

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
BoZiLo: Live
"Offellee fà el tò mesté", pasticciere fai il tuo mestiere, recita un vecchio adagio milanese. Chi vi scrive segue Bojan Zulfikarpasic sin dai tempi di "Bojan Z Quartet," registrato nel 1993 per la Label Bleu, ed aveva guardato con una certa apprensione alla deriva presa dal pianista negli ultimi anni. Prima c'era stata la svolta americana. Per inseguire un jazz (e forse un mercato?) di impostazione statunitense, Zulfikarpasic stava diluendo, annacquando, perdendo, il suo tratto stilistico emblematico e caratterizzante: la matrice balcanica. Poi c'era stato Xenophonia (del 2006), album che ci aveva lasciato con non poche perplessità.

Salutiamo dunque con piacere questo ritorno alle origini di Bojan Z. Un ritorno per certi versi minore, in quanto legato alla dimensione live e quindi privo della progettualità tipica di un album in studio. Ma comunque un buon segno. Anche perché vediamo il pianista ricongiungersi con Julien Lourau, con cui aveva collaborato intensamente negli anni '90, e con Karim Ziad, al suo fianco in Koreni (del 1999), ultimo album balcanico di Zulfikarpasic prima della svolta.

Parliamo di Bojan Z perché BoZiLo significa in realtà Bojan Z Trio. E' infatti evidente sin dalle prime note che questo "Live" (uscito per la JMS e distribuito in Italia da IRD), sebbene formalmente co-diretto, è di fatto un album di Zulfikarpasic. Non tanto per spirito egemonico del pianista, sempre molto misurato nei suoi interventi, quanto per la natura intrinseca dello strumento. La dura legge del pianoforte, verrebbe da dire. E forse anche la dura legge di chi, come Zulfikarpasic, ha uno stile netto e riconoscibile.

Conseguentemente, l'album segue gli umori del leader e si muove in modo altalenante. Molto buono, a tratti eccellente, quando Zulfikarpasic si tuffa con voluttà nelle sue origini balcaniche (una splendida versione di Ederlezi, traditional reso celebre da Goran Bregovic). Pur sempre gradevole, ma meno brillante e personale, quando la musica si appoggia in modo più deciso sul jazz.

Track Listing

1. Ulaz; 2. Ederlezi; 3. Un demi porc et deux caisses de bière; 4. Ifrika; 5. Algeric; 6. Jakjuka; 7. Orient.

Personnel

Bojan Zulfikarpasic (pianoforte, bonghetti); Karim Ziad (batteria, percussioni); Julien Lourau (sassofoni).

Album information

Title: Live | Year Released: 2009

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Sing To The World
Benito Gonzalez
Quasar-Mach
Jeffrey Morgan
Inspirations
Mindaugas Stumbras
Genealogy
CODE Quartet
First Mile
Lamb Anderson Sorgen
What are the Odds?
Dennis Winge

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.