Home » Articoli » Album Review » Antonio Sanchez & Migration: Lines in the Sand

Antonio Sanchez & Migration: Lines in the Sand

By

View read count
Antonio Sanchez & Migration: Lines in the Sand
Antonio Sanchez, compositore e batterista di fama internazionale, confeziona una suite che non è solo un tributo e un atto di solidarietà nei confronti dei migranti che quotidianamente tentano di varcare il confine tra Messico e Stati Uniti in cerca di una vita migliore, ma anche un atto d'accusa contro le politiche demagogiche e piene di retorica di una Casa Bianca ormai sorda a ogni istanza umanitaria o di cambiamento.

Sanchez ricorda nelle note di copertina di Lines in the Sand che lui stesso un tempo fu un immigrato: nel 1993 partì da Città del Messico per andare a Boston a studiare al Berklee College of Music, diventando, anni più tardi, uno dei jazzisti di maggior successo (è sua, ad esempio, la colonna sonora di "Birdman" del regista Alejandro Gonzales Inarritu che gli è valsa un Golden Globe) e guadagnandosi, fra l'altro, anche la cittadinanza americana. Ma quella era un'altra America: oggi c'è un muro a far intendere bene a chiunque che i tempi dell'american dream sono decisamente finiti.

Sanchez prova, dunque, a risvegliare le coscienze con un lavoro corale, ricco di insinuanti melodie e di grande accessibilità. A fargli da spalla i Migration, solido quartetto di professionisti dove spicca la brillante vocalist Thana Alexa. Una fusion gentile, quasi sommessa, con venature progressive che ricorda, in alcuni passaggi, i lavori strumentali del francese Patrick Forgas con la sua Forgas Band Phenomena, guarda caso un altro batterista-compositore.

Tra i brani più riusciti, ”Long Road”, dove Sanchez può fare sfoggio del suo drumming fantasioso e incisivo, mai sopra le righe, e ”Bad Hombres Y Mujeres”, contraddistinto da un groove trascinante con i solisti impegnati a improvvisare su un tema complesso continuamente spezzato e ripreso.

Track Listing

Travesia Intro; Travesia (Part I - Part II - Part III); Long Road; Bad Hombres Y Mujeres; Home; Lines in the Sand (Part I - Part II).

Personnel

Antonio Sanchez: drums, voice, keyboards; John Escreet: keyboards, synth; Matt Brewer: bass; Thana Alexa: voice, effects; Chase Baird: tenor saxophone, EWI; Nathan Shram: viola. Elad Kabilio: cello (Travesia Part II; Long Road).

Album information

Title: Lines in the Sand | Year Released: 2018 | Record Label: CAM Jazz


< Previous
4 Wheel Drive

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Boundaries
Jake Baldwin, Zacc Harris, Pete Henning
The Waits / InBetween Music
The Early Planets
Paratonnerre
Griffure

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.