Home » Articoli » Album Review » Anouar Brahem: Le voyage de Sahar

1

Anouar Brahem: Le voyage de Sahar

By

View read count
Anouar Brahem: Le voyage de Sahar
Grande virtuoso dell'oud e ormai da molti anni alfiere dell'etichetta ECM, il tunisino Anouar Brahem prosegue con questo Le voyage de Sahar il suo viaggio tra i piú disparati scenari musicali, che lo ha visto collaborare con artisti del calibro di Jan Garbarek, John Surman, Barbaros Erköse, Dave Holland. Questa volta, come raramente gli accade, si tratta della replica di uno dei suoi incontri precedenti, dato che sono di scena due musicisti francesi come il pianista Francois Couturier e il fisarmonicista Jean-Louis Matinier, a comporre un trio di strumenti "universali" che già aveva registrato quattro anni orsono, sempre per ECM e a firma di Brahem, l’album Le pas du chat noir.

Interamente su composizioni originali di Brahem, i tre mostrano da un lato tutti quanti un sofisticatissimo controllo dei loro strumenti, dall'altro un notevole affiatamento, che permette loro di sviluppare delle narrazioni tanto elaborate, quanto delicate e suggestive. La colorazione araba, in parte conferita dalle composizioni, in parte dovuta proprio alla sonorità così caratteristica dell'oud, compone la cifra del lavoro, che - per chi già lo conosca - é tipico di Brahem. Tuttavia, su questa tonalità di fondo si stagliano figure diverse, frutto degli interventi dei due compagni di viaggio. I quali forse peccano di eccessiva modestia e rispetto per il leader, ma ciononostante riescono a far sentire la loro voce e, soprattutto, la loro originalità creativa, così diversa da quella di Brahem.

Rispetto ad altri lavori del tunisino, l'assenza di un fiato si fa un po' sentire, rendendo il lavoro estremamente cameristico e forse un po' troppo soffuso; tuttavia (o forse proprio per questo) le varie tracce risultano di un'estrema complessità e si svelano a poco a poco all'ascolto.

Quasi impossibile segnalare momenti di eccellenza, dato che tutto il lavoro è di alto livello. Interessanti, casomai, gli ascolti delle due versioni di "Vague", nelle quali il piano conduce un bordone minimalista che scardina l'impianto arabeggiante della composizione, e "Halfaouine", confrontabile con la versione datane in Astrakan Café, con l'accompagnamento di clarinetto e darbouka.

Track Listing

Sur le fleuve; Le Voyage de Sahar; L'Aube; Vague / E la nave va; Les Jardins de Ziryab; Nuba; La Chambre; Córdoba; Halfaouine; La Chambre Var.; Zarabanda; Été Andalous; Vague Var.

Personnel

Anouar Brahem: oud; François Couturier: piano; Jean-Louis Matinier: accordion.

Album information

Title: Le Voyage De Sahar | Year Released: 2006 | Record Label: ECM Records


< Previous
Sexotica

Comments

Tags


Support All About Jazz

Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

How You Can Help

To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

MoonDial
Pat Metheny
Tales of the Skald
Modern Vikings
Suite For Africa
Amina Figarova & Matsiko World Orphan Choir
Lotus Blossom
Alex Hendriksen

Popular

September Night
Tomasz Stanko Quartet
In Situ
Alexa Torres
Influences
Jared Hall

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.