Home » Articoli » Album Review » Terry Day: Interruptions

1

Terry Day: Interruptions

By

View read count
Terry Day: Interruptions
Bisognerebbe candidarsi a scrivere presto una biografia romanzata del signor Terry Day, da Hemel Hempstead, Regno Unito, classe 1940.

Polistrumentista, cantante, compositore, pittore, cuoco, forse anche entomologo e chissà cos’altro. Musicista d’orchestre da ballo a cavallo dei Cinquanta e dei Sessanta, proprio dal 1960 in poi inizia ad interessarsi alla musica d’avanguardia che “contamina” e trasporta in mille avventure rock-pop perpetrate poi lungo tutto l’arco dei creativi Settanta.

Funambolico dissacratore di ogni tipologia di strumento musicale, Day gioca, letteralmente, in questa sorta di immancabile parafernalia musicale, appena pubblicata dalla Emanem britannica. Interruptions è un sampler di tracce inedite raccolte fra il 1978 e il 1981: multi-tracks, soli, parole e “capricci” sonori fatti di ritmo e suo contrario, armonia e suo contrario, carezze e rutti, ottimismo e pessimismo, ironia e rigore che solo l‘inarrivabile “The Wire” (una tra le più intelligenti riviste musicali oggi esistenti al mondo) potrebbe - sino in fondo - riuscire a recensire “geneticamente” con la massima dovizia di particolari.

Trentadue brani trentadue che nemmeno Andy Partridge sarebbe riuscito a mettere insieme con tale rigorosa “pazzia”: batteria e mandolini, kazoo e sintetizzatori, Christmas blowers e Bottleneck, violoncelli e flauti cinesi, bamboo e cornamuse, giocattoli e pianoforte africano, voce e palline da ping pong. Il tutto registrato a casa di amici, in irriverenti pub della campagna inglese, lungo rumorose strade di Amsterdam o in asettici studi di registrazione britannici. Follie di quelle da interpretare per il loro immaginifico verso giusto e che danno una straordinaria esemplificazione di ciò che potrebbe essere il vero e totale significato di “improvvisazione creativa”. Per pochi e, per di più, assolutamente cultori delle cose “made in Britain

Personnel

Album information

Title: Interruptions | Year Released: 2006 | Record Label: Unknown label


< Previous
Balance

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Tributes
Antonio Farao
Timing Is Everything
Eric Alexander
In Situ
Alexa Torres

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.