All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

Nursery Four: Improvised Music For Imaginary Films

AAJ Italy Staff By

Sign in to view read count
Nursery Four: Improvised Music For Imaginary Films
È un continuo detournement, un gioco a più livelli di ironia e di riferimenti quello messo in campo dai Nursery Four: ovviamente non sono quattro, ma un trio che unisce negli intenti e nelle "malefatte" il pianista palermitano Mauro Schiavone, il contrabbassista olandese [ma attivo in Sicilia] Marko Bonarius e l'enfant terrible della batteria Francesco Cusa.

Incrociando le esperienze delle diverse realtà collettive siciliane di cui i musicisti fanno parte, come Improvvisatore Involontario o il Collettivo Cuper Santos, i tre hanno raccolto in questo nuovo lavoro una serie di improvvisazioni ispirate a film immaginari, un progetto che - come si intuisce già dalle "linee programmatiche" - trova la propria forza nella grande fantasia degli strumentisti.

Titoli come "Evita de Romperte el Perón", "Le Rohmer du Chabrol" o "Schönberg's Holiday" portano chiaramente a un rovesciamento della stessa prospettiva progettuale, ridefinendo gli stessi rapporti tra i materiali sonori con quell'ironia concettuale e esecutiva che ben conosciamo a un certo jazz olandese, ma che non manca mai anche nei progetti del batterista catanese.

C'è, immediato e forte, il richiamo all'infanzia: non solo nel nome scelto dal gruppo o dal ricordo dei tediosi esercizi pianistici in età evolutiva che ispirano "I soldatini passano", ma anche nel guardare al mondo dei suoni con un incanto beffardo e spietato, in cui beffa e spietatezza nulla tolgono all'incanto [i nostri ben devono sapere che l'innocenza del fanciullo è un mito per vecchie zie!].

La musica del disco diventa così un percorso ricco di insegne colorate, di negozi di dolciumi, di poetiche digressioni, di inquietanti disarmonie, con i tre strumentisti che lasciano briglia sciolta a una immediatezza sonora che non trova pace in alcuna forma definita, ma che vuole curiosare dentro gli scarti ritmici come si farebbe sotto sottane sconosciute.

Una forza particolare del disco sta comunque nel non disunirsi dal punto di vista espressivo, nel non lasciare che il fattore gioco schiacci altre energie: da qui partono ad esempio il funk sornione di "Spike Strikes Back", la drammatica costruzione di "La casa di Rosa Maria", la danza profumata della già citata "Evita de Romperte el Perón", in un avvolgente disegno in cui è difficile non rimanere colpiti da linee e colori.

Capita così che questi film li si immagini insieme a loro, o forse li abbiamo visti, o forse li avremmo sempre voluti vedere, ci hanno fatto tanto ridere, piangere forse... sognare?

Track Listing

01. That's All Folks - 6:11; 02. La casa di Rosa Maria - 6:43; 03. Le Rohmer Du Chabrol - 3:16; 04. The Log Lady's Lover - 6:44; 05. I soldatini passano - 12:51; 06. Spike Strikes Back - 6:49; 07. Evita de Romperte el Peròn - 8:35; 08. Schönberg's Holiday - 14:02

Personnel

Mauro Schiavone (pianoforte); Marko Bonarius (contrabbasso); Francesco Cusa (batteria)

Album information

Title: Improvised Music For Imaginary Films | Year Released: 2006

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.