Home » Articoli » Bravo Baboon: Humanify

2

Album Review

Bravo Baboon: Humanify

By

Sign in to view read count
Bravo Baboon: Humanify
Bravo Baboon è l'evoluzione del trio Atrìo, di cui ricordiamo l'ottimo esordio (Atrìo Camilla Records 2016) con Rosario Giuliani e Javier Girotto ospiti. Formato da Gianluca Massetti al pianoforte, Dario Giacovelli al basso e Moreno Maugliani alla batteria, l'organico è andato avanti sviluppando una nuova identità stilistica, sottolineata dal nuovo nome. La proposta attuale si apre all'elettronica e assimila concetti ritmici da hip hop, dance e afro-beat senza tradire (anzi incrementando) la freschezza melodica delle composizioni originali.

Provenienti da differenti regioni italiane, i tre vivono da anni a Roma e si sono conosciuti frequentando i corsi del Saint Louis College of Music. Hanno iniziato a suonare per puro piacere, incontrando affinità nel comune amore per il jazz affrontato come un'arte che si alimenta della contemporaneità, senza chiusure.

In questo disco è evidente la centralità che assume il lavoro compositivo nella loro musica: ogni tema ha una chiara identità e si snoda con raffinatezza e gusto narrativo, assegnando precisi spazi ai contributi estemporanei. È anche chiara l'esigenza di comunicare col pubblico giovanile estraneo al jazz, aprendosi al groove e alle sonorità della Club Culture, con qualche occasionale riferimento alla fusion degli anni ottanta.

Tutto scorre con equilibrio e controllo delle dinamiche ma il ruolo estroverso della batteria e l'apporto di qualche ospite aggiungono varietà e incisività. Tra i brani più indicativi della loro estetica ricordiamo il serrato "Oversea," il successivo "Humanify," con l'efficace intervento della cantante Carolina Bubbico e il variopinto "Afrodanish," che spazia con fantasia tra reggae, jazz e neo soul. Il brano più caratterizzato jazzisticamente è "Na Ballad," col vivace assolo di Francesco Frattini alla tromba.

Track Listing

Oversea; Humanify; Na Ballad; Under the Bridge; Afrodanish; Forget to Be Present; I Heard You; Sometimes In May; Redwood; Space Donuts; A casa.

Personnel

Mauro Meddi: sound design.

Album information

Title: Humanify | Year Released: 2019 | Record Label: Auand Records

Post a comment about this album


FOR THE LOVE OF JAZZ
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

WE NEED YOUR HELP
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

Tags

More

The Source
Kenny Barron
Espérame en el Cielo
Gilbert Castellanos
Permeance
Wade Matthews / Abdul Moimême

Popular

Exude
Francesca Han & Ralph Alessi
Baker's Dozen
The Muffins
Blues & Bach: The Music Of John Lewis
Enrico Pieranunzi Trio & Orchestra
The Border
Douwe Eisenga

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and includes upcoming jazz events near you.