Home » Articoli » Album Review » Gordon Grdina, Francois Houle, Kenton Loewen, Benoit Del...

1

Gordon Grdina, Francois Houle, Kenton Loewen, Benoit Delbeq: Ghost Lights

By

View read count
Gordon Grdina, Francois Houle, Kenton Loewen, Benoit Delbeq: Ghost Lights
Titolo decisamente evocativo dei contenuti musicali, quello assegnato a questo CD dal paritetico quartetto franco-canadese, perché il baluginare di suoni all'interno di atmosfere perlopiù soffuse richiama davvero scenari nei quali la luce si manifesta per poi sparire, in cicli mutevoli e cangianti.

Ma non si scambi questo Ghost Lights per un lavoro astratto o di atmosfere dilatate e algide: in esso infatti al libero aggregarsi di suoni —specie quelli della chitarra di Gordon Grdina e del pianoforte di Benoit Delbecq —vanno ad aggiungersi cadenze e ritmi sempre precisi, dettati ora da una bass station (ancora nelle mani di Delbecq), ora dalle percussioni e dalla batteria di Kenton Loewen, attento a non invadere la scena quando il tessuto sonoro è in via di formazione, ma pronto a irrompere non appena la trama sia sufficientemente fitta da sostenerlo. I disegni sull'ordito sono compito del clarinetto di Francois Houle, che si muove facendo valere principalmente il timbro del legno, per il resto giocando sull'interazione dialogica con i compagni.

D'altronde, dei sette brani in programma solo due sono scritti ("Soro," di Houle, e "Broken World," di Delbecq), mentre gli altri sono pure improvvisazioni, che si aprono con grande libertà in molteplici direzioni diverse. La cifra di fondo, tuttavia, rimanda alla lezione di Jimmy Giuffre: ne sono esempi "Ley Land" e "Ghost Light," nelle quali il clarinetto di Houle svetta, bellissimo, all'interno di un clima sospeso e rarefatto, cui si aggiunge l'apporto precipuo della batteria di Loewen, che svolge un ruolo coloristico più che ritmico.

Altrove —già nella prima traccia, poi ancora in "Soft Shadows" —le atmosfere sono più esotiche, grazie al lavoro della bass station che imita una kora e alle linee tematiche che si ispirano a tradizioni diverse. Questo contribuisce ad arricchire un lavoro eccellente, molto personale e capace di sorprendere a ogni nuovo ascolto.

Track Listing

Soro; Ley Land; Gold Spheres; Broken World; Ghost Lights; Soft Shadows; Waraba.

Personnel

Benoit Delbecq: pianoforte, bass station; Francois Houle: clarinetto, elettronica; Gordon Grdina: chitarra, elettronica; Kenton Loewen: batteria, percussioni.

Album information

Title: Ghost Lights | Year Released: 2017 | Record Label: Songlines Recordings


< Previous
The Haywain

Next >
Emanon

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Harken!
Threeway with special guest John Etheridge
Stream of a Dream
Daniel Carter, Matthew Putman, Federico Ughi
Gnash
Dave Rempis / Tashi Dorji
Boundaries
Jake Baldwin, Zacc Harris, Pete Henning

Popular

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.