All About Jazz

Home » Articoli » CD/LP/Track Review

Dear All About Jazz Readers,

If you're familiar with All About Jazz, you know that we've dedicated over two decades to supporting jazz as an art form, and more importantly, the creative musicians who make it. Our enduring commitment has made All About Jazz one of the most culturally important websites of its kind in the world reaching hundreds of thousands of readers every month. However, to expand our offerings and develop new means to foster jazz discovery we need your help.

You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky Google ads PLUS deliver exclusive content and provide access to future articles for a full year! This combination will not only improve your AAJ experience, it will allow us to continue to rigorously build on the great work we first started in 1995. Read on to view our project ideas...

0

Tom Rainey: Float Upstream

By

Sign in to view read count
Da queste parti, si sa, nutriamo profonda ammirazione per Tom Rainey, percussionista geniale sia nelle cornici convenzionali che nelle ampie libertà della post-avanguardia.

Il suo quintetto Obbligato da qualche tempo si occupa di affrontare gli standards da un punto di vista si potrebbe dire cool-free ---se ci si passa l'azzardata etichettatura —innervandoli di sconfinato amore e, insieme, rigenerandoli con rara finezza. La qualità delle tessiture strumentali è garantita da solisti di magnifico livello, che ad ogni occasione si dimostrano capaci di congiungere conoscenza storica e abbandono lirico.

I brani più abusati della scaletta sono interpretati in medias res, optando per una parafrasi iniziale che alluda solamente al materiale tematico, per poi liberarlo al momento opportuno. È una tecnica mutuata da altri grandi narratori jazz, ad esempio Lee Konitz o Martial Solal, la più efficace ci sembra per rivitalizzare, infondere un respiro nuovo al repertorio, ma anche per mettere alla prova il linguaggio del tutto contemporaneo dei musicisti in gioco su di un terreno arduo e praticato da così tanti maestri del passato.

In questa chiave, le caratteristiche dei singoli si fondono con impeccabile amalgama, impastato con acume da Rainey, il cui gioco percussivo non invade neanche per un attimo l'equilibrio musicale.

Il quintetto ama una vaghezza melodico-ritmica squisita, dove i fiati possono andare e venire a piacimento, sia con frasi alternate che con intrecci contrappuntistici: la trama armonica è garantita dal pianoforte di Kris Davis, anch'esso libero di addensarsi in trame politonali o di divagare con volate a note singole, anche a una mano sola. Questa strategia si coglie già nell'iniziale "Stella by Starlight," ma illumina anche i pezzi aperti da cadenze per strumento solo come "There Is No Greater Love" (batteria) o la lunga "What's New" (contrabbasso). Quest'ultima si candida ad essere la migliore esecuzione del disco, per le brillanti soluzioni di arrangiamento come il rubato costante del pianoforte, commentato dal sax soprano che annuncia un toccante intervento della tromba di Ralph Alessi, sempre in grado di piegare al suo lirismo ora acre ora tenue, con venature klezmer, ogni tipo di materiale.

L'unico vero tempo veloce e concitato del disco è riservato a "What Is This Thing Called Love," una free improvisation fremente, che lascia spazio alla melodie solo nelle battute finali.

Ottima anche la scelta di ricordare Sam Rivers, con uno dei suoi temi più seducenti, "Beatrice." Notevole ascoltare i sassofoni di Ingrid Laubrock riuscire a combinare una flessuosità alla Archie Shepp con timbri ed esposizioni più languide e accorate; così come sono un lusso il suono ed il fraseggio del basso di Drew Gress. Il tutto, ripetiamo, diretto con intelligenza da Tom Rainey, fino al finale, un classico come "I Fall in Love too Easily," riletto con passione e rispetto, in un mood oscillante tra Chet Baker e Bill Evans.

Bellissimo.

CD della settimana

Track Listing: Stella By Starlight; Beatrice; What Is this thing Called Love; What's New?; There Is No Greater Love; Float Upstream; I Fall In Love Too Easily.

Personnel: Ralph Alessi: trumpet; Ingrid Laubrock: saxophones; Kris Davis: piano; Drew Gress: bass; Tom Rainey: drums.

Title: Float Upstream | Year Released: 2017 | Record Label: Intakt Records

Tags

comments powered by Disqus

CD/LP/Track Review
Read more articles
Float Upstream

Float Upstream

Intakt Records
2017

buy
Hotel Grief

Hotel Grief

Intakt Records
2016

buy
Obbligato

Obbligato

Intakt Records
2014

buy
Camino Cielo Echo

Camino Cielo Echo

Intakt Records
2012

buy
Pool School

Pool School

Clean Feed Records
2010

buy

Related Articles

Read Brothers CD/LP/Track Review
Brothers
by Dan Bilawsky
Published: September 24, 2018
Read The Fearless Flyers CD/LP/Track Review
The Fearless Flyers
by John Bricker
Published: September 24, 2018
Read Super Mood CD/LP/Track Review
Super Mood
by Glenn Astarita
Published: September 24, 2018
Read Beheaded Totem CD/LP/Track Review
Beheaded Totem
by James Fleming
Published: September 24, 2018
Read New Hope CD/LP/Track Review
New Hope
by Jack Bowers
Published: September 23, 2018
Read The Nobuki Takamen Trio CD/LP/Track Review
The Nobuki Takamen Trio
by Mark Sullivan
Published: September 23, 2018
Read "Selective Coverage" CD/LP/Track Review Selective Coverage
by Jim Olin
Published: September 20, 2018
Read "So Far" CD/LP/Track Review So Far
by Mark Corroto
Published: March 22, 2018
Read "Ask For Chaos" CD/LP/Track Review Ask For Chaos
by Friedrich Kunzmann
Published: August 25, 2018
Read "Neo Native" CD/LP/Track Review Neo Native
by Dan Bilawsky
Published: June 9, 2018
Read "Triple Double" CD/LP/Track Review Triple Double
by Glenn Astarita
Published: October 21, 2017
Read "The Return" CD/LP/Track Review The Return
by Chris May
Published: April 16, 2018