Home » Articoli » Nicole Mitchell's Sonic Projections: Emerald Hills

Album Review

Nicole Mitchell's Sonic Projections: Emerald Hills

By

Sign in to view read count
Nicole Mitchell's Sonic Projections: Emerald Hills
Oltre a essere un documento insostituibile e una fondamentale fonte di riflessione sul jazz creativo a Chicago e sulla musica sperimentale afroamericana degli ultimi quarantacinque anni, il libro del trombonista George Lewis A Power Stronger Than Itself: The AACM and American Experimental Music ha anche il merito, sebbene indiretto, di avere ispirato alla flautista Nicole Mitchell - che del nuovo corso dell'AACM è presidente - la formazione di questo quartetto chiamato Sonic Projections.

Con la Mitchell ci sono il pianista Craig Taborn, il sax tenore di David Boykin e le percussioni di Chad Taylor, tutti artisti che in questi anni hanno saputo rileggere le istanze creative afroamericane con soluzioni formali nuove e stimolanti e questa attitudine collettiva guida la musica su terreni particolarmente interessanti.

Differentemente da altri gruppi della flautista, come il più danzante Indigo Trio o come l'estesa formazione del Black Earth Ensemble - di cui alcuni progetti sono sembrati un po' troppo cerebrali - questo quartetto riesce a attivare molteplici livelli di interazione, tra capacità narrativa e astrazione, coscienza collettiva e affermazione della voce individuale, talvolta esplorando le combinazioni tra due strumenti o inserendo la voce umana e la poesia come elemento ulteriore.

Va dato atto alla Mitchell di non stancarsi mai di ricercare, di non fermarsi mai in quel percorso di progressiva consapevolezza espressiva che la sta portando in questi anni a essere una delle figure più emblematiche della creatività nera. Attraverso un intenso simbolismo e una tensione lirica che non vengono mai meno lungo i nove brani di questo Emerald Hills [la cui durata varia dai due minuti di "Surface of Syrius" ai quasi quindici di "Affirmations"], la flautista e i suoi compagni di avventura trovano continue vie di scambio tra improvvisazione e strutturazione del discorso sonoro, facendo di questo disco un documento non facile, ma molto stimolante, della loro attuale ricerca.

Track Listing

Visitations; Ritual and Rebellion; Chocolate Chips; Wild Life; Wishes; Emerald Hills; Surface of Syrius; Affirmations; Peace.

Personnel

Nicole Mitchell: flute, alto flute, piccolo, vocals; Craig Taborn: piano; David Boykin: tenor saxophone; Chad Taylor: drum set.

Album information

Title: Emerald Hills | Year Released: 2010 | Record Label: Rogue Art

Post a comment about this album

Tags

More

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.