Home » Articoli » Album Review » Velkro: Don't Wait for the Revolution

2

Velkro: Don't Wait for the Revolution

By

Sign in to view read count
Velkro: Don't Wait for the Revolution
In comune hanno un background profondamente radicato nel folklore della propria terra, poi poco altro. A cominciare dalla nazionalità -Bostjan Simon è sloveno, Stephan Meidell norvegese e Luis Candeias portoghese -proseguendo con gli interessi musicali che spaziano dall'hip hop al noise, dal rock alternativo all'elettronica e al jazz.

La sfida di Velkro, questo il nome del trio, è quella di vedere l'effetto che fa quando diverse attitudini e variegati approcci stilistici si riuniscono sotto il segno dell'improvvisazione, della curiosità e della sperimentazione. Il risultato è una musica obliquamente melodica, carica di tensione, pronta a deragliare da un momento all'altro perché in equilibrio precario, tra fremiti di dissonanze non troppo immaginarie e scie dense, viscose, inquietanti.

Ma è anche musica visionaria per lo scatenarsi dei marchingegni elettronici applicati da Meidell a chitarra e basso, musica potentemente evocativa sostenuta da droni ipnotici, illuminata da violenti lampi che squarciano la cortina di suoni, quiete tutt'altro che rassicurante dopo la tempesta.

Don't Wait for the Revolution è album che colpisce al primo ascolto e acquista vigore passaggio dopo passaggio, che coniuga bellezza e straripante energia, contraddizioni stilistiche ed organicità di risultati, bordate noise con incantevoli dolcezze, insomma è album da non perdere.

Track Listing

Flush; Sprawl; Nolero; Undercurrents; Mayhem; Dope; Pastime.

Personnel

Bostjan Simon
saxophone

Bostjan Simon: sax tenore; Stephan Meidell: chitarra, basso, elettronica; Luis Candeias: batteria.

Album information

Title: Don't Wait for the Revolution | Year Released: 2015 | Record Label: Clean Feed Records

Comments

Tags


For the Love of Jazz
Get the Jazz Near You newsletter All About Jazz has been a pillar of jazz since 1995, championing it as an art form and, more importantly, supporting the musicians who create it. Our enduring commitment has made "AAJ" one of the most culturally important websites of its kind, read by hundreds of thousands of fans, musicians and industry figures every month.

You Can Help
To expand our coverage even further and develop new means to foster jazz discovery and connectivity we need your help. You can become a sustaining member for a modest $20 and in return, we'll immediately hide those pesky ads plus provide access to future articles for a full year. This winning combination will vastly improve your AAJ experience and allow us to vigorously build on the pioneering work we first started in 1995. So enjoy an ad-free AAJ experience and help us remain a positive beacon for jazz by making a donation today.

More

Eagle's Point
Chris Potter
Can You Hear It?
Mikko Innanen / Cedric Piromalli / Stefan Pasborg
Elegy for Thelonious
Frank Carlberg Large Ensemble

Popular

Jazz Hands
Bob James
Esengo
London Afrobeat Collective
Light Streams
John Donegan - The Irish Sextet

Get more of a good thing!

Our weekly newsletter highlights our top stories, our special offers, and upcoming jazz events near you.