All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

1

B.J. Jansen: Commmon Ground

Luigi Sforza By

Sign in to view read count
B.J. Jansen: Commmon Ground
Appare chiaro sin dalle prime battute quale sia il mood di questo progetto del giovane sassofonista baritono B.J. Jansen. La maggior parte del repertorio è costituita da una sequenza di episodi musicali che molto hanno a che fare con la tradizione musicale afroamericana.

Ad eccezione di "Carol's Dream" e "Suol Loss" —ballad dai lineamenti delicati —ma soprattutto di "Street Walk" —brano che intrattiene l'ascoltatore dispiegando affabilmente parti cantabili non calligraficamente riconducibili strettamente al dogmatismo bop o post bop -e che molto ha a che vedere con il moderno mainstream, il restante contenuto del disco svela senza remore le reali passioni del leader.

I pilastri estetici su cui si fonda quasi tutto Cammon Ground sono ampiamente riconducibili ad esperienze della tradizione, che vanno dalla musica di Duke Ellington fino al soul jazz degli anni Sessanta. La prima traccia, "Stanley's Pace" è un perfetto esempio di hard bop. La struttura blues del brano, la sezione fiati —composta da sassofono baritono, tromba e trombone —che esegue una serie di riff a intervalli consonanti, l'irruenza della batteria, combinata all'opaca ma decisa voce del sassofono di Jansen, indicano inequivocabilmente una indiscussa adesione all'universo sonoro nato a metà del Novecento e che annovera tra i padri fondatori i maestri Art Blakey e Horace Silver.

"Brandon's Blues," "Angela's Aggravation," "Bucket Full of Soul" e "Relaxin' with Jessica," pur inscrivendosi nel solco del sound jazzistico americano che ha avuto origine settant'anni fa, hanno inflessioni affatto differenti. Mentre "Brandon's Blues" strizza l'occhio alla musica di Duke Ellington —lo si evince dall'inflessione, dal repertorio lessicale e sintattico utilizzato, dagli effetti evocati dalla tromba con sordina plunger —, "Angela's Aggravation" e "Bucket Full of Soul" abbracciano senza remore, nell'ordine indicato, il primo l'irruenza boppistica, il secondo il soul jazz che, su un groove funk, declina stilemi sonori di marca indubbiamente hardboppistica. "Relaxin' with Jessica," invece, propone una successione di elementi che si stratificano in amabili atmosfere cool, che qui più che altrove infondono un intenso senso di rilassatezza grazie ad atmosfere deliziosamente soffici; la batteria con le spazzole abbandona l'irruenza ritmica —presente in modo più o meno marcato nelle altre tracce dell'album —per scorrere pacata e in modo lineare, delineando un tappeto ritmico su cui i solisti sovrappongono cantabili linee melodiche.

Lo stile dei musicisti che compongono il sestetto è naturalmente incline ad enfatizzare il repertorio lessicale tradizionale; non vi è alcuna voce al suo interno che si allontana minimamente dai confini indicati dal codice espressivo nato nella Cinquantaduesima strada di New York negli anni Quaranta. Se si considera che per "Angela's Aggravation" Jansen utilizza alcuni elementi estrapolati da "Confirmation" di Charlie Parker, o che per "Relaxin' with Jessica" si ispira ad uno standard del 1957 di Sonny Clark, "Sonny's Mood," oppure che "Common Ground" evoca essenze spirituali direttamente riconducibili a "Psalm" di John Coltrane, non sorprende ascoltare nei singoli approcci solistici sviluppi sintattici conformi ai summenzionati modelli estetici.

Da un lato l'impatto sonoro riconducibile anche al sound Blue Note degli anni '50 e '60 —con riferimenti a precisi musicisti di quella storica etichetta —, dall'altro alcune pagine meno celebrative della musica del passato e tendenzialmente più contemporanee, rendono questo progetto di B.J.Jansen un'opera ben confezionata e, seppur in assenza sia di elementi di novità che di slanci di innovazione creativa, Common Ground risulta indubbiamente un album gustoso soprattutto per quegli ascoltatori che preferiscono una musica che navighi a vista rispetto a quella che, invece, preferisce affrontare il grande oceano musicale e che tende ad andare lontano.

Track Listing

Stacey's Pace; Carol's Dream; Street Walk; Brandon's Blues; Soul Loss; Angela's; Aggravation; Bucket Full of Soul; Relaxin' with Jessica; Common Ground; Angela's Aggravation (Alternate Take); Bucket Full of Soul (Alternate Take); Stacey's Pace (Alternate Take).

Personnel

B.J. Jansen: baritone saxophone; Delfeayo Marsalis: trombone; Duane Eubanks: trumpet; Zaccai Curtis: piano; Dezron Douglas: bass; Ralph Peterson: drums.

Album information

Title: Commmon Ground | Year Released: 2017 | Record Label: Ronin Jazz

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Read Warmer Than Blood
Warmer Than Blood
Chris Montague
Read Off Brand
Off Brand
Collage Project
Read Iron Starlet
Iron Starlet
Connie Han
Read Expanding Light
Expanding Light
Whit Dickey Trio

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, shelter in place and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary effort that will help musicians now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the bottom right video ad). Thank you.

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.