All About Jazz

Home » Articoli » Album Review

Szilard Mezei Septet: Cet

Alberto Bazzurro By

Sign in to view read count
Szilard Mezei Septet: Cet
Ogni nuova uscita discografica riguardante Szilárd Mezei (negli ultimi anni sono frequenti) è una piccola festa. Questo suo nuovo lavoro, inciso a inizio 2015 alla testa di un settetto dalle timbriche e dalle dinamiche veramente efficaci, non fa certo eccezione. Vi convergono sette pagine del violista serbo-magiaro svarianti dai sei minuti e mezzo al quarto d'ora (la durata complessiva del CD sfiora i 77 minuti), svolte più che mai nel segno di una concezione compositiva spinta, puntuale, fortemente riconoscibile, identitaria. A tratti emergono vaghe parentele con l'universo braxtoniano, forse anche un po' collegate al titolo del secondo brano, grafico-segnico anziché testuale o numerico come il polistrumentista chicagoano ama fare praticamente da sempre.

L'impatto sonoro offerto da una front-line con flauto, ancia, trombone e viola si rivela da subito quanto mai originale, entro un impianto solido quanto cangiante, oltre tutto lungo partiture attentissime al dettaglio e nel contempo al gioco d'insieme (scrittura e coralità sono assolutamente centrali nell'economia del lavoro). Il tono è per più versi cameristico, ma denso e vitale, attraversato da una tensione costante (salvo oasi più quiete, che sciolgono qua e là la densità di cui sopra). Arriveremmo a definirlo più jazzistico del solito, in Mezei (si ascolti in proposito anche solo il terzo brano, "Hep 13"), con un equilibrio veramente alto fra scrittura e improvvisazione, proprio per la forte induzione, sul piano climatico e sintattico, della prima nei confronti della seconda, pur nel rispetto dei rispettivi ruoli (fa al limite eccezione "Hep 10," un po' rigido nel suo evolversi tutto così predefinito).

Insomma: eccoci di fronte a un album e una domanda che il livello dello stesso ci induce una volta di più a farci, e cioè come mai Mezei goda di così poca visibilità e, in fondo, attenzione, al di là di un manipolo di audaci (forse...). Ci toccherà riparlarne alla prossima occasione, che speriamo non si faccia attendere troppo a lungo.

Track Listing

Cet / Whale; (non trascrivibile); Hep 13; Semmilyen le'pe's / None step (Hommage à Mal Waldron); Szil / Elm; Hep 10; Ko¨ / Stone.

Personnel

Szilárd Mezei: viola; Andrea Berendika: flauto, flauto contralto; Bogdan Rankovic: sax alto, clarinetto basso; Branislav Aksin: trombone; Máté Pozsár: pianoforte; Ervin Malina: contrabasso; István Csík: batteria, percussioni.

Album information

Title: Cet | Year Released: 2016 | Record Label: Odradek Records

Post a comment about this album

Tags

Shop Amazon

More

Live At No Black Tie
Jeremy Monteiro, Jay Anderson, Lewis Nash
King of Dowling Street
Lightnin' Hopkins
Mariposas Cantan
Joe Rizo's Mongorama

Popular

All About Jazz needs your support

Donate
All About Jazz & Jazz Near You were built to promote jazz music: both recorded albums and live events. We rely primarily on venues, festivals and musicians to promote their events through our platform. With club closures, limited reopenings and an uncertain future, we've pivoted our platform to collect, promote and broadcast livestream concerts to support our jazz musician friends. This is a significant but neccesary step that will help musicians and venues now, and in the future. You can help offset the cost of this essential undertaking by making a donation today. In return, we'll deliver an ad-free experience (which includes hiding the sticky footer ad). Thank you!

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.