Home » Articoli » Antonio Faraò: Boundaries

Album Review

Antonio Faraò: Boundaries

By

Sign in to view read count
Antonio Faraò: Boundaries
Le sontuose armonizzazioni, e la vivace forza improvvisativa sono i punti di forza di Boundaries, l'ultimo CD di Antonio Farao. Soprattutto nei due standard interpretati, il pianista romano si abbandona al piacere di suonare nel tentativo di sfuggire alla mera dimostrazione di virtuosismo, offrendone una rilettura personale, carica di espressività e feeling jazzistico.

"Maiden Voyage" è così sottoposta alla lente di ingrandimento di una ricomposizione istantanea, per dilatarne tempi e dinamiche.

In primo piano una felice riattualizzazione degli stilemi postboppistici, condotta con classe e soluzioni ricchi di nuance. L'ottima ritmica ben si inserisce nelle composizioni del leader, oggi più lirico ed essenziale rispetto al passato. Prevalgono trame stratificate, di grande mobilità ritmica e timbrica.

Ago della bilancia nelle energiche dinamiche proposte, il sax di {{Mauro Negri} che sprigiona uno swing leggero con un fraseggio obliquamente ondivago. La collana italiana della Verve parte quindi con il piede giusto, grazie a questo bel CD dagli equilibri perfetti.

Questo quartetto merita una documentazione "live," che ne metterebbe meglio in mostra la volatile espressività.

Track Listing

Boundaries; Hand Jive; Maiden Voyage; Coolfunk...; My Sweetest; Not Easy; Around Phrygian.

Personnel

Antonio Faraò: pianoforte; Mauro Negri: sax tenore e soprano; Luigi Di Nunzio: sax contralto; Martin Gjakonovsky: contrabbasso; Mauro Beggio: batteria.

Album information

Title: Boundaries | Year Released: 2016 | Record Label: Verve Music Group

Post a comment about this album

Tags

More

Boiling Point
Gordon Grdina's Nomad Trio
Live New York Revisited
Horace Silver Quintet

Popular

Get more of a good thing

Our weekly newsletter highlights our top stories and includes your local jazz events calendar.